VITERBO – I rifiuti di Roma a Casale Bussi sono l’ennesimo regalo che i viterbesi sono costretti a subire per agevolare più che altro le esigenze sanitarie della capitale che, a quanto pare, ci dirotta una valanga di immondizia che aumenterà enormemente i gravi problemi che interessano la città, soprattutto sul piano dell’inquinamento ambientale.

 

In ambito regionale, Viterbo viene additata solo per queste irriverenze e, come in passato da noi sostenuto, ancora una volta ci chiediamo fino a quando i cittadini della Tuscia dovranno subire le prevaricazioni di una politica “romanocentrica” che, da sempre, ha inciso negativamente e pesantemente sugli aspetti sociali e sanitari che andavano garantiti sul territorio viterbese ?- Fino a quando la nostra gente dovrà sopportare una preoccupante “emarginazione statale” a tutto vantaggio della megalopoli romana che, oggi, solo per la sua “emergenza rifiuti” si ricorda di Viterbo?

 

Ci auguriamo che le rassicurazioni dell’assessore Vannini si concretizzino nell’annullamento di questa deprecabile evenienza che, per la città, si dimostrerebbe l’ennesima beffa e l’evidenza di essere considerata meno della “sporcizia romana” e di tutte le sue rischiose conseguenze. Comunque, sindaco Michelini, se ci sei batti un colpo”.

 

Direttivo comunale FondAzione

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email