ACQUAPENDENTE – “In sole due settimane di lavoro abbiamo raccolto ad Acquapendente, Trevinano e Torre Alfina quasi 1200 firme”. Esordisce con questi dati positivi il breve comunicato reso noto dal Movimento cinque stelle di Acquapendente.

 

“Ma soprattutto abbiamo preso contatto con cittadini aquesiani infuriati dopo aver ricevuto da parte della Talete spa bollette salatissime. E con gioia hanno firmato la nostra petizione che sollecita il Sindaco Alberto Bambini e la Giunta Comunale ha redigere un documento in cui venisse sollecitata la Regione Lazio a definire tramite Legge apposita i bacini idrogeografici con fine di attuare la Legge Regionale 5/2014. Al momento di depositare all’Ufficio Protocollo del Comune di Acquapendente 85 fogli con le firme, laconico il commento del primo cittadino “Con questi fogli potete accenderci il fuoco!”. In un successivo confronto, lo stesso Sindaco ha riconosciuto di aver fatto una battuta fuori luogo. E noi vogliamo crederli. Nel ringraziare i cittadini che hanno aderito all’iniziativa, attendiamo fiduciosi una presa di posizione riguardo le richieste dei firmatari da parte del Sindaco di Acquapendente e della Giunta”.

Commenta con il tuo account Facebook