“La gestione e la promozione del territorio, la valorizzazione delle buone pratiche rurali, l’ecoturismo, la tutela della biodiversità, l’impulso e lo sviluppo delle coltivazioni bioligiche: obiettivi che grazie all’approvazione della Legge sui biodistretti, hanno reso il Lazio, la prima delle regioni in Italia a promuovere un modello di sviluppo ecosostenibile attraverso la diffusione di un modello partecipativo dal basso impegnato e rivolto allo sviluppo e alle vocazioni territoriali.

Oggi, grazie anche all’impegno e al lavoro dell’Assessorato all’agricoltura, facciamo un ulteriore passo avanti, dotando quella legge di nuova forza, concretezza e vigore. L’approvazione infatti da parte della Giunta, del Regolamento Regionale recante “Disposizioni per la disciplina e la promozione dei biodistretti”, tende ad integrare altresì e a completare la normativa di riferimento.

La proliferazione, lo sviluppo e la disciplina dei biodistretti – aree geografiche omogenee con vocazione all’agricoltura biologica – saranno, grazie al Regolamento, garantiti nell’ottica e con la finalità di diffondere la cultura del biologico in una compatibilità territoriale e nel rispetto dei principi internazionali.

Il testo, che dovrà ora passare al vaglio della commissione, contribuisce e si aggiunge alle tante azioni messe in campo volte alla tutela e alla valorizzazione dei nostri territori e delle imprese agricole, risorse fondamentali per la nostra Regione”.

Così in una nota la Consigliera del Lazio Marta Bonafoni, Capogruppo della Lista Civica Zingaretti