Approvato ordine del giorno del consigliere Sabatini su rafforzamento Area degli Usi Civici

Il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno presentato dal Consigliere regionale Daniele Sabatini che impegna il Presidente e la Giunta regionale ad implementare e rafforzare la struttura dell’Area Affari Generali e Usi Civici della Regione Lazio.

“Si tratta – ha specificato Sabatini – di un settore strategico e molto importante nello svolgimento dell’attività amministrativa, soprattutto per ciò che riguarda le pratiche relative ai terreni gravati da usi civici. La struttura suddetta, all’interno delle conferenze dei servizi, è adibita al rilascio di pareri e nulla osta in materia, e cura la promozione e valorizzazione dei demani collettivi attraverso intese tra soggetti istituzionali. Effettua studi ed indagini conoscitive volti alla predisposizione della carta degli usi civici.  Infine svolge anche un lavoro di interpretazione normativa, di produzione legislativa e di indirizzo “.

“Purtroppo – aggiunge Sabatini – sono state segnalate numerose criticità nell’espletamento delle pratiche indirizzate all’Area, causate soprattutto da carenza di personale, che rischiano di non fornire risposte celeri e puntuali alle richieste dei cittadini in ordine a legittimazioni, permute, reintegre, alienazioni, liquidazioni di usi civici su terreni privati, e cambi di destinazioni d’uso, e di non consentire il corretto svolgimento delle funzioni assegnate. Per questo, anche alla luce della sentenza n.119/2023 della Corte Costituzionale in materia di alienabilità dei terreni gravati da usi civici e sollecitato dalle richieste di intervento giunte dal territorio, ho presentato questo ordine del giorno, impegnando il Presidente e la Giunta regionale a porre soluzione ai problemi riscontrati, incrementando e rafforzando l’Area Affari Generali e Usi Civici della Regione Lazio. Ringrazio -conclude Sabatini-  i colleghi consiglieri Berni, Bertucci, Cera, Corrotti, Crea, Grasselli, Mari, Maura, Palazzi, Rotondi, Simeoni, Tiero per averlo sottoscritto”.