REGIONE – “Di male in peggio. La questione del nuovo direttore generale dell’Ater di Viterbo sta diventato un incubo, che verrà naturalmente pagato dai cittadini. Avevamo più volte manifestato tuta la nostra contrarietà ad alcune scelte insensate portate avanti dall’ente guidato dal commissario Bianchi.

 

Dopo aver sollevato l’ex dg – decisione, questa, bocciata anche dal tribunale del lavoro – nelle settimane scorse l’azienda aveva aperto un bando per la selezione della figura di un direttore generale, con incarico a tempo determinato fino al 31 dicembre.

 

Quindi, si era preferito anche in questo caso optare per personale esterno, e non interno. Avevamo presentato interrogazioni contro tale incongruenza, e adesso apprendiamo dalla stampa che la poltrona verrà affidata all’attuale dg dell’ater di Rieti ( fino alla fine 2015), che andrebbe a guadagnare 9mila euro al mese. Ovviamente, si continueranno a pagare due dg, il nuovo e l’ex che è stato allontanato ingiustamente come stabilito dai giudici. Questo è un atteggiamento irrispettoso delle istituzioni e che rappresenta soltanto uno sperpero di denaro pubblico, ossia soldi dei cittadini.

 

Il serio rischio, come abbiamo già affermato in passato, è che simili scelte possano generare anche eventuali danni erariali. In quel caso, oltre al danno la beffa. Noi lo ripetiamo: le aziende per l’edilizia residenziale dovrebbero lavorare per realizzare strategie utili a fornire risposte concrete alle tante famiglie in emergenza abitativa e alle giovani coppie in difficoltà. Perdere tempo su queste diatribe non aiuta nessuno e comunque esula dalle priorità delle Ater”. Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma (foto).

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email