Ieri “mattina abbiamo licenziato dalla VIII commissione il Piano della Tutela delle acque adeguando dopo oltre 12 anni la regione Lazio ad una legge nazionale, e riuscendo con i nostri emendamenti a migliorarne il testo.

In particolar modo sulla riformulazione del nostro emendamento sul comma 2 dell’art. 12, che ha provato a rendere la nostra legge simile a quella delle altre regioni d’Italia e d’Europa, come evidente dall’uso di acqua di fiumi per l’alimentazione di città come Firenze, Ferrara, Ravenna, Parigi, Londra e la stessa Torino amministrata dal M5S, che consente il prelievo di acqua dal Po nonostante lo scarico di acque reflue industriali.

Quando si parla di coerenza”.

Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email