REGIONE . “Dopo una serie di comunicati nei quali Trenitalia e Cotral annunciavano la loro fuoriuscita dal sistema metrebus, dopo le preoccupazioni dei sindacati, delle associazioni dei consumatori e dei pendolari, dopo la disponibilità del governo (con le parole del ministro Delrio) a intervenire su questa problematica, finalmente la regione Lazio – unico ente titolato a decidere sulla bigliettazione integrata del trasporto pubblico locale – attraverso il suo assessore competente fa sentire, seppur tardivamente, la sua voce.

 

Dichiarazioni, tra l’altro, molto deboli, visto che nel comunicato si ritengono in sostanza del tutto infondate le preoccupazioni su eventuali aumenti o disservizi di metrebus legati alle recenti note stampa di Trenitalia e cotral. Saremmo curiosi di sapere chi abbia autorizzato l’ad di Cotral a esternare, nel comunicato di ieri, delle linee di indirizzo politico dell’azienda regionale da lui amministrata. Infatti, ricordiamo che l’azionista di maggioranza di Cotral è – appunto – la regione Lazio, che ha il compito di decidere gli indirizzi e le linee guida che poi la partecipata deve perseguire. Adesso, delle due l’una: o c’è una assenza di indirizzo politico tale da spingere l’ad di Cotral a decidere per nome e per conto della politica; oppure l’azienda ha espresso – nella sede meno opportuna, un suo parere personale.

 

A questo punto saremmo molto curiosi di sapere cosa ne pensa in tal senso il presidente Zingaretti e il suo assessore in materia, ma stavolta nelle sedi competenti, ossia la commissione trasporti alla Pisana, alla presenza di tutte le parti in causa”. Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma (foto).

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email