TARQUINIA – “Presentato nei giorni scorsi su iniziativa del Movimento 5 Stelle di Tarquinia l’esposto riguardante l’appropriazione dell’Aurelia da parte di SAT, focalizzato sul tratto del Lotto 6A – attualmente in costruzione a Tarquinia – che presto, come tutti sanno, diventerà autostrada a pagamento.

 

Un lavoro durato più di un anno, che ha visto la partecipazione sia del gruppo M5S locale, sia dei portavoce in regione e in parlamento, attraverso decine di accessi agli atti che, non senza difficoltà, ci hanno permesso di raccogliere le informazioni necessarie all’esposto. Non siamo invece riusciti a vedere il piano finanziario del Lotto 6A, per il quale abbiamo reiterato numerose richieste. Alcuni giorni prima che venisse arrestato Ettore Incalza, che come è noto è stato fino a quel giorno responsabile delle concessioni autostradali, il suo Ufficio ci ha negato l’accesso agli atti nuovamente richiesto, motivando la decisione con la mancanza di un nostro interesse reale a poter vedere le carte richieste.

 

Ritenendo comunque di avere sufficienti elementi per dimostrare le anomalie riscontrate nei documenti concessori e nella convenzione di cui già disponiamo, abbiamo presentato l’esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia, chiedendo di fare chiarezza sulla vicenda A12. Tra i firmatari dell’esposto il nostro portavoce comunale Marco Dinelli e la consigliera regionale Silvia Blasi. E andremo avanti. Siamo infatti intenzionati a presentare un esposto anche alla Corte dei Conti perché riteniamo che vi possa essere un danno erariale”.

 

Il gruppo M5S Tarquinia

Commenta con il tuo account Facebook