«Durante lo scorso consiglio comunale, – denuncia il Gruppo Di Minoranza Bassano Di Tutti –  il sindaco Romoli è riuscito, come sempre, a dare il meglio di sé ed abbassare ad un nuovo livello il dialogo tra la maggioranza e l’opposizione.

Alla fine del consiglio, infatti, la consigliera Saltalamacchia è stata accusata di “minacciare” l’amministrazione, solo per aver detto, in sostanza, che tutti i nodi vengono al pettine, prima o poi. Sono due anni che proviamo a fare chiarezza sui contributi dati alle Associazioni, a ribadire che non possono essere affidati incarichi sempre alle stesse persone o ditte e che, prima di investire soldi sul Borgo o sul cambio della sede comunale (del tutto inutile perché quella attuale è nuovissima), bisogna ripopolare il paese.

Ma, in tutto questo scenario, la cosa più grave è stato il modo con cui il Sindaco si è rivolto alla minoranza, alzando la voce e rendendo il dibattito impossibile. Questo è inaccettabile. Per questo motivo abbiamo abbandonato la seduta: non siamo certo dei ragazzini che devono rimanere a sentire la predica di un padre, ma dei suoi pari che in consiglio devono avere sempre possibilità di replica».