Sabato 9 gennaio si è tenuta una videoconferenza tra il Presidente Nazionale di ANPCI Franca Biglio (affiancata da Valerio Grosso, membro del direttivo nazionale) con il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli che con estrema celerità ha fatto seguito ad una lettera inviata dall’Associazione dopo la pubblicazione della lista dei siti idonei ad ospitare il deposito nazionale di scorie nucleari.

La stragrande maggioranza di questi siti ricade nei territori dei piccoli comuni, comuni che appresa la notizia si sono immediatamente preoccupati presentando all’ANPCI una serie di motivate e fondate contestazioni per chiedere l’esclusione da tale lista.

Nel corso dell’incontro il Ministro ha confermato come la pubblicazione fosse solo il primo passo di un lungo processo di dialogo e confronto che complessivamente richiederà un iter di 4 anni per valutare tutti i siti, le proposte, le critiche e le eventuali auto-candidature.

Che tali confronti saranno i più ampi possibili e l’ANPCI avrà la possibilità di far valere le ragioni e le rivendicazioni dei piccoli comuni (l’esclusione dei tanti siti ritenuti idonei che sono di pregio ambientale, storico, culturale e turistico).

Nel corso dell’incontro la Biglio ha ribadito la disponibilità al confronto con Governo e Ministro sul tema, ma che non si pensi di gravare nuovamente sulle piccole realtà comunali come è avvenuto in passato e sta avvenendo: accorpamento comuni, 5G, ecc..

Inoltre, si diano serie garanzie per i comuni che dovessero ospitare tale sito, quali garanzia dei ristori economici, una corretta realizzazione dell’impianto, nonché una continua e corretta gestione dello stesso.