Luigi Maria Buzzi

VITERBO – Ci mancavano solo le dimissioni dell’assessore per far “sprofondare” ancora di più il settore servizi sociali del comune di Viterbo. Da tutti ritenuti i servizi più importanti ed indispensabili, quelli da attenzionare, i primi servizi di un comune che sia veramente attento alle esigenze dei cittadini più deboli o che vivono una particolare realtà, momentanea o non.

 

Tutti ne parlano ma è poi sui fatti che si misurano concretamente le azioni di un’amministrazione e questa, francamente, visti i risultati sembra completamente inadeguata. Basta vedere le deleghe per attività, da sempre incardinate al settore servizi sociali, assegnate a consiglieri solo per accontentare pezzi di maggioranza e ora, secondo quanto affermato dal Sindaco, addirittura con la sostituzione dell’assessore non prima di qualche settimana. Facile capire che il posto in giunta si giocherà sul tavolo delle prossime provinciali.

 

In 24 mesi, insomma, i servizi sociali hanno visto le dimissioni dell’assessore e il cambio di due dirigenti, con quello attuale a “mezzo servizio”.

 

Rimangono “appese” così, tematiche importanti a cui il Sindaco, in occasione dell’ultima interrogazione di FDI-An, non ha saputo rispondere come lo spostamento della sezione lattanti dell’asilo comunale nella nuova struttura di Santa Barbara, con tutti i disagi per le famiglie e senza indicare neanche come sarà erogato il servizio mensa. La mancata riapertura delle iscrizioni ai nidi che sarebbe dovuta avvenire a gennaio scorso, la mancanza della carta dei servizi ed ora la novità del prevedibile aumento del costo dei buoni pasto. Quest’ultima sarebbe una delle soluzioni per coprire i buchi del bilancio, ovviamente ora presentata come un discorso di equità sociale, dimenticando che proprio l’attuale maggioranza, allora opposizione, si stracciò le vesti alla stessa proposta, rimasta tale, presentata dalla passata amministrazione. Chissà dove saranno questa volta tutti quei Caifa?

 

Cons. Luigi Maria Buzzi (foto)
Capogruppo FDI-An Comune di Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook