CIVITA CASTELLANA – Il sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli interviene in merito alla non potabilità dell’acqua informando i cittadini delle ultime analisi pervenute al comune da parte della Asl di Viterbo. “Sono arrivate le ultime analisi della Asl concernenti la situazione dell’acqua del pubblico acquedotto – spiega il sindaco Angelelli – Su tutto il territorio comunale l’arsenico è sotto soglia di legge variando da 2 microgrammi/litro a Borghetto e Sassacci, a 8 su via Terni, a 6 al centro storico e 7 nella zona nuova della città. Ricordo che il limite massimo consentito è di 10 microgrammi per litro.

 

Per quanto concerne i floruri, i loro valori sono a posto in tutta la città tranne che nella zona nuova, in quanto dall’impianto del Falerii, che serve questa zona, l’acqua esce con il parametro floruri a 1,63, mentre il limite a 1,50.

 

In sostanza, quindi, nonostante l’arsenico sia ovunque sotto controllo, potrei decretare la potabilità dell’acqua soltanto al centro storico e a Sassacci. Mentre dovrei mantenere la non potabilità dell’acqua nella zona nuova di Civita, dove c’è la presenza dei floruri di poco oltre la soglia consentita.

 

La situazione è decisamente migliore rispetto al passato, sebbene non pienamente soddisfacente. Tuttavia non revocherò l’ordinanza sino a quando non avrò due analisi positive consecutive, perché ritengo che ancor più della qualità stessa dell’acqua, sia importante la sicurezza e tranquillità dei cittadini di bere acqua certamente potabile. Ricordo, infine, che a Borghetto, Cenciani e Quartaccio l’acqua è già potabile stabilmente da diversi mesi, tanto che per queste zone ho già revocato l’ordinanza di non potabilità lo scorso agosto.”

Commenta con il tuo account Facebook