CIVITA CASTELLANA – Il Consiglio Comunale di Civita Castellana ha approvato durante l’ultima seduta il Regolamento per la tutela degli animali che entrerà in vigore nei prossimi giorni. Nel regolamento vengono disciplinati con minuzia tutti gli obblighi dei detentori di animali e il modo in cui verranno tutelati i diritti degli animali.

 

Il regolamento prevede infatti paragrafi specifici su maltrattamento di animali, cattura, detenzione e commercio di fauna selvatica, abbandono di animali, avvelenamento di animali, accesso degli animali sui servizi di trasporto pubblico, divieto di accattonaggio con animali, divieto di offrire animali in premio, vincita, oppure omaggio, regolamentazione di esposizioni, spettacoli e intrattenimenti con l’utilizzo di animali, smarrimento, rinvenimento, affido, fuga, cattura, soppressione di animali, terapia con animali da affezione – Pet therapy, allevamento e cessione a qualsiasi titolo di animali, inumazione di animali, associazioni animaliste e zoofile. A seguire il regolamento prevede titoli specifici per i cani, i gatti, cavalli, avifauna, animali acquatici, animali per autoconsumo e animali esotici.

 

“Oltre a tutta una serie di norme inserite finalizzate a contrastare il maltrattamento degli animali e a riconoscerne la dignità in quanto esseri viventi – ha spiegato l’assessore all’Ambiente del comune di Civita Castellana, Vincenza Basta – vi è una parte corposa di indicazioni pratiche che riguardano il decoro pubblico e la ligia gestione di situazioni borderline. Faccio solo dei brevi esempi. Abbiamo inserito tutta la parte relativa alle sanzioni, all’interno della quale è prevista una multa di 100 euro per i padroni o gli accompagnatori di cani sprovvisti di sacchetto per la raccolta delle deiezioni canine. Abbiamo formalizzato che i servizi pubblici non possono essere sospesi nelle aree ad esempio dove vi sono le colonie feline e che seppur venga riconosciuto il benemerito lavoro dei volontari che se ne occupano, vige l’obbligo del mantenimento del decoro e dell’igiene urbana. Inoltre abbiamo inserito le norme relative al dog park, delineate dal precedente Consiglio dei Giovani. È stato un lavoro corposo e colgo l’occasione per ringraziare le associazioni dei volontari”.

Commenta con il tuo account Facebook