CIVITA CASTELLANA – Mercoledì 9 dicembre alle 17.30 l’amministrazione comunale di Civita Castellana invita tutta la cittadinanza a partecipare all’assemblea che si terrà nell’aula consiliare del Comune in cui verranno presentati i risultati dell’indagine e la proposta di perimetrazione del Monumento Naturale “Le valli della Civitas”.

 

In occasione di questo ultimo Tavolo di Comunità, alla presenza del Sindaco Gianluca Angelelli, dell’Assessore Vincenza Basta e del tecnico incaricato Arch. Pianificatore Territoriale Alfonso Prota, si chiuderà la prima fase dell’iter di istituzione del Monumento Naturale “Le valli della Civitas”. Dopo l’approvazione da parte del Comune, il passo successivo sarà inviare in Regione la richiesta di istituzione del Monumento Naturale.

 

«Da venti anni si parla del Parco delle Forre dell’Agro Falisco – ha detto il sindaco Angelelli – L’area protetta “Le Valli della Civitas” che si sta delineando a Civita Castellana vuole contribuire, aggiungere un tassello e far sperare in un futuro di relazioni, dentro e fuori la nostra comunità, affinché quel sogno di vedere tutte le “valli” di tutte le “Civitas” dell’Agro Falisco tutelate e valorizzate, finalmente e definitivamente considerate un unico, meraviglioso, sistema complesso, arrivi in un futuro non troppo lontano a compiersi. Non dobbiamo aspettare, dobbiamo rilanciare, dobbiamo continuare, moltiplicare le relazioni di collaborazione creativa a cui abbiamo assistito durante il processo di definizione de “Le valli della Civitas”. Il nome che proponiamo per il Monumento Naturale è per questo una speranza».

 

La raccolta e l’elaborazione delle testimonianze e delle memorie della Comunità hanno arricchito il lavoro di ricerca del tecnico incaricato dall’Amministrazione e hanno permesso di avviare un processo di partecipazione attiva e creativa.

 

«Il Comune di Civita Castellana a dicembre 2014 ha ospitato il workshop Narratore di Comunità, ideato e guidato da Antonello Ricci, Marco D’Aureli e La Banda del Racconto – ricorda l’Arch. Pianificatore Territoriale Alfonso Prota – i racconti possono essere strumento di Pianificazione? Con questa domanda ci siamo lasciati a dicembre. Dopo un anno proviamo a rispondere con la proposta di istituzione del Monumento Naturale “Le valli della Civitas”, frutto della condivisione e della partecipazione, dell’esperienza e dei ricordi di una Comunità sensibile e attiva. I Tavoli di Comunità non hanno prodotto “solo” il perimetro del MN, ma il desiderio di un percorso condiviso, appena avviato.»

 

Il Dott. Luca Panichelli, uno dei partecipanti al workshop del 2014, ha coadiuvato il tecnico nella ricerca su campo, con interviste e partecipazione all’interno dei Tavoli di Comunità. «Ascoltare le storie di vita della mia Comunità, toccare con mano l’esperienza, l’amore, la competenza dei cittadini di Civita Castellana, sentire il desiderio che le persone hanno di dare il proprio contributo, impone una riflessione su quanto avverrà in seguito all’istituzione di quest’Area Protetta. Credo sia indispensabile continuare a “riempire” il territorio di questi saperi, impedire che le nuove generazioni dimentichino che le valli e la Civitas sono una cosa sola. Credo sia indispensabile ripartire da qui, dal dialogo tra natura e uomo, tra vecchio e nuovo, dalla comunicazione tra generazioni differenti. L’esperienza che ho intrapreso prima con il workshop NdC e poi con il lavoro di ricerca per il MN deve essere condivisa, deve essere insegnata a scuola.»

 

Il terzo Tavolo di Comunità (“Scuola e dialogo intergenerazionale” – 04 novembre 2015) ha visto la partecipazione degli insegnanti i quali hanno mostrato piena disponibilità nel realizzare progetti condivisi. «Vorremmo che la scuola fosse centrale, fosse il laboratorio della nostra Comunità – dice l’Assessore Vincenza Basta – Una banca dati delle memorie, la progettazione partecipata della fruibilità del Monumento Naturale: questi e altri ancora sono i progetti che l’Amministrazione si impegnerà a condividere con tutti i cittadini, ma soprattutto con le scuole, con le nuove generazioni. Il 09 dicembre 2015, oltre ai risultati del lavoro svolto, si dialogherà, si porranno le basi per nuovi progetti.

 

I prossimi appuntamenti: la redazione condivisa del Regolamento del MN, il progetto con le scuole di una Mappa di Comunità. Il futuro di Civita Castellana deve essere protagonista e dobbiamo progettarlo insieme.»

Commenta con il tuo account Facebook