BAGNOREGIO – Il mondo della cultura, dello spettacolo e della politica italiano si mobilita per salvare Civita di Bagnoregio (VT), l’affascinante “città che muore”, uno dei borghi più belli d’Italia.

 

L’appello è stato appena lanciato dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, sulla piattaforma Change.org e si rivolge all’UNESCO. La richiesta è quella di far riconoscere Civita, e la Valle dei Calanchi che la circonda, come patrimonio dell’umanità. E a sostenere l’iniziativa di Zingaretti ci sono già molte, moltissime, personalità. Alcuni nomi? Bernardo Bertolucci, Achille Bonito Oliva, Ennio Morricone, Giorgio Napolitano, Andrea Camilleri, don Luigi Ciotti, Oscar Farinetti, Oliviero Toscani, Dario Fo, Giuseppe Tornatore, Dacia Maraini, Eugenio Scalfari, Umberto Veronesi e molti altri.

 

“All’appello ha risposto anche il Ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini – scrive Zingaretti nella sua petizione – il Ministro ha dichiarato di condividere lo spirito dell’appello e dell’iniziativa. Cosa si chiede? Abbiamo scelto di puntare i riflettori su questo gioiello del paesaggio italiano, ma da soli non ce la possiamo fare. Ci rivolgiamo quindi all’Unesco per sostenere Civita, non come un luogo a se stante, ma come il fulcro d’un “sistema di paesaggi”.

 

La petizione è accessibile a questo link: change.org/salviamocivita

Commenta con il tuo account Facebook