Il gruppo di Forza Italia di Canino fa notare che malgrado il Commissario Daniele Ricci e i consiglieri comunali di minoranza abbiano chiesto, all’amministrazione Novelli, con una lettera protocollata da Ricci lo scorso 20 novembre, «interventi urgenti in favore delle attività commerciali, delle Terme, delle palestre e associazioni sportive e di tutti coloro colpiti dal Dpcm dello scorso 24 ottobre 2020 ad oggi ci rammarica il fatto che nessuna iniziativa è stata presa e non se ne è discusso nemmeno con un punto apposito nei vari Consigli Comunali che si sono succeduti da novembre ad oggi, come invece promesso dal Sindaco Novelli».

Il Commissario Ricci afferma: «Non si aiutano i cittadini, e non si aiutano le attività produttive del paese, sospendendo a loro le tasse e imposte Comunali come da noi chiesto, ma si tolgono da anni soldi dalle spese correnti, soldi utili per aumentare i servizi per abbassare le tasse, per sostenere chi investe e produce sul nostro territorio, invece il Sindaco Novelli toglie i soldi in un momento di pandemia, come fatto l’anno scorso solo non più spendibili se non per mirate opere pubbliche. Nell’ultimo bilancio – continua Ricci – l’avanzo di amministrazione è arrivato alla cifra monstre di Euro 556.000.
Non vorremmo che questo tesoretto sia utilizzato a ridosso della campagna elettorale come specchietto per le allodole.
Noi ci rammarichiamo fortemente del fatto che l’amministrazione Novelli abbia snobbato le attività produttive in crisi e con esse le famiglie coinvolte mancando di far sentire la vicinanza delle istituzioni e della figura del Sindaco, ne è dimostrazione il fatto che non solo non si è fatto niente ma alla nostra lettera la Novelli ha dato risposta ben un mese dopo con una missiva in cui si diceva che bastano e avanzano le misure che arriveranno, quando arriveranno, del Governo».