Stasera, ore 21, a piazza Montecitorio, Mio Italia farà importanti comunicazioni

«Sono mesi che il comparto dell’ospitalità a tavola viene penalizzato, colpevolizzato, assunto a capro espiatorio del contagio e poi vediamo le immagini dei maxi-assembramenti di decine di migliaia di persone a Milano e a Perugia. Lo Stato bastona il vecchietto che consuma cornetto e cappuccino al bancone, si dimostra rigido, severo e intransigente nella festività di Pasqua come in qualsiasi altro giorno, e poi stranamente dimentica eventi prevedibili da settimane, come i festeggiamenti per lo scudetto dell’Inter e quelli per il rientro in B del Perugia. E sempre stranamente continua a non accorgersi degli assembramenti sui mezzi pubblici di tutta Italia. Perché il problema, a quanto pare, sono sempre e solo i ristoratori. Ora basta. A seguito di quanto accaduto a Milano e a Perugia, il premier Draghi farebbe bene a rimuovere il ministro dell’Interno Lamorgese, se veramente vuole dare un segnale di serietà».

Lo ha dichiarato Paolo Bianchini, presidente di MIO Italia, Movimento Imprese Ospitalità.

«Ora basta con le prese in giro. Dopo quanto visto a Milano e a Perugia, ormai è “liberi tutti”. Stasera, alle ore 21, sarò a piazza Montecitorio per comunicare alla stampa nazionale importanti decisioni di Mio Italia», ha concluso Paolo Bianchini.