“La giunta regionale del Lazio, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico, Paolo Orneli, ha deliberato l’istituzione di una sezione del Fondo Rotativo per il Piccolo Credito dedicata alle imprese colpite dall’emergenza Covid-19. Viene così attivato dalla Regione uno strumento a sostegno del tessuto produttivo, in particolare per dare risposta alla drammatica carenza di liquidità manifestata dalla stragrande maggioranza degli artigiani e dei piccoli imprenditori. Un intervento concreto di cui c’è davvero grande bisogno”. Così Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia.

 

La sezione V del Fondo Rotativo è denominata “Emergenza Covid-19. Finanziamenti per la liquidità delle PMI”. Le micro, piccole e medie imprese del Lazio – compresi i liberi professionisti, i consorzi e le reti d’impresa – costituite da almeno 36 mesi, potranno beneficiare di finanziamenti pari a 10mila euro a tasso zero, restituibili fino a cinque anni, nel caso della riduzione o della sospensione dell’attività a causa della diffusione dell’epidemia e del conseguente fabbisogno di liquidità per un importo di almeno 10mila euro.

 

“La domanda è ‘a sportello’ e le procedure sono semplificate. Per questo intervento sono state stanziate risorse per 55 milioni e 510mila euro. Ringraziamo la Regione: l’assessore Orneli e, con lui, il vicepresidente Daniele Leodori e l’assessore al Lavoro, Claudio Di Berardino, che hanno condiviso il provvedimento, e il consigliere Enrico Panunzi, che ci è vicino, pronto a raccogliere le richieste e le proposte del mondo delle imprese. Attendiamo l’avviso. Siamo pronti ad assistere le imprese anche nell’accesso a questi finanziamenti”, sottolinea Melaragni.

 

Un altro provvedimento deliberato, anche questo molto atteso, è la moratoria sui finanziamenti previsti dai bandi della Regione Lazio – come il Fondo Rotativo per il Piccolo Credito e il Microcredito -, con la possibilità di sospendere le rate fino a 12 mesi. Naturalmente deve essere presentata la richiesta per accedervi.