La fiducia appena votata sulla conversione in legge del tanto atteso Decreto Agosto, è l’ennesima prova di come questa maggioranza non sia in grado di governare, anche, l’emergenza che stiamo vivendo.

Il lavoro emendativo è stato enorme, ma anche questa volta i buoni propositi enunciati dal governo di collaborazione con l’opposizione sono stati disattesi.

Per quanto riguarda il comparto agricolo, però, sono state fatte salve alcune delle nostre proposte: l’applicazione del regime previdenziale marittimo ai soci di cooperative della pesca iscritte nell’ apposita sezione dell’Albo nazionale degli enti cooperativi, l’istituzione del Fondo per la promozione dei prodotti di quarta gamma pari a 20 milioni di euro per il 2020 ed infine l’agognato incremento di 10 milioni nel Fondo di solidarietà nazionale da destinare alle imprese agricole danneggiate dagli eventi atmosferici occorsi fra marzo e aprile di quest’anno.

Avremmo voluto che fosse fatto molto di più per un comparto che, è bene ripeterlo sempre, ha garantito la sopravvivenza e l’approvvigionamento di tutti gli italiani, senza aver mai smesso di lavorare duramente, anche durante tutta la fase 1 di questa pandemia.
Forza Italia, come sempre, combatterà in tutte le sedi, affinchè questi sacrifici, i sacrifici degli italiani, non vengano dimenticati e sottovalutati da questo governo che si riconferma sordo ad ogni tipo di sollecitazione.