Il Comitato Provinciale dell’A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), attraverso il suo Presidente, avvocato Enrico Mezzetti, invita tutti i sindaci della provincia di Viterbo a sostenere e condividere le decisioni del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e di tutti i sindaci che in questi giorni hanno preso posizione per denunciare e contrastare le illecite, illegittime, immorali, persecutorie, razziste e incostituzionali norme contenute nel cosiddetto “decreto sicurezza”.

«In particolare, l’articolo 13 di questa legge nega alle persone già presenti in Italia e richiedenti asilo, – comunicano dal Comitato Provinciale A.N.P.I. di Viterbo – pur se in possesso del permesso di soggiorno, la possibilità di iscriversi nell’anagrafe comunale.

Il mancato ottenimento del certificato di residenza comporta di conseguenza l’impossibilità di accedere a ogni servizio, a cominciare dall’assistenza sanitaria (si preclude l’iscrizione al servizio sanitario nazionale – S.S.N.) che viene di fatto negata generando possibili e gravi danni alla persona e di conseguenza anche all’intera comunità.

Migliaia e migliaia di persone, già presenti legalmente in Italia, verranno di fatto cancellate nei loro diritti e doveri e, senza alcuna tutela e forma di riconoscimento, una volta discriminate diventeranno invisibili prede di sfruttatori delinquenti e trafficanti di esseri umani; tutto ciò provocherà maggior insicurezza e allarme sociale.

È evidente come i provvedimenti dell’attuale governo in materia di immigrazione stiano negando fondamentali diritti della nostra Costituzione. In particolare l’articolo 2, che recita: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo…”; l’articolo 32: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”; larticolo 10, che afferma: “… Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica…”.

I provvedimenti dell’attuale governo rendono inoltre carta straccia la Dichiarazione universale dei diritti umani.

È necessaria una risposta di opposizione civile da parte di tutti, a cominciare dai sindaci che sono i rappresentanti delle comunità, a questa barbarie giuridica che se non fermata farà tornare in Italia condizioni di persecuzione e discriminazione già tristemente vissute nel periodo della dittatura fascista».

 

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email