VETRALLA – Il Distretto Vt4 anche quest’anno ha organizzato una serie di incontri riguardanti la sensibilizzazione all’affido familiare. Durante l’annualità scolastica appena conclusasi, tutte le scuole primarie e alcune dell’infanzia si sono adoperate instancabilmente per diffondere la cultura dell’accoglienza e della solidarietà fra i bambini, le famiglie e le comunità intere.

 

Ora più che mai il Servizio di Sensibilizzazione è sentito e vissuto con grande impegno da insegnanti, Dirigenze Scolastiche ed Amministratori locali che quotidianamente si trovano ad affrontare disagi ed incertezze legati a problemi economici, povertà sociali e culturali. Accogliere un bambino per un periodo limitato, aiutarlo a crescere, offrigli il calore di una famiglia che non sostituisce quella di origine, ma va a sostenerla e aiutarla, fa bene a tutti: a chi si offre e a chi riceve. L’importanza di tale servizio è stato compreso e accolto da tutti gli insegnanti. A Ronciglione sono state organizzate due rappresentazioni teatrali e la partecipazione alla trasmissione RAI Gulp sul Tg dei ragazzi, a Carbognano sono seguite riflessioni e pensieri dopo la proiezione del film “Pinocchio”, a Villa San Giovanni, a Monterosi e a Sutri i giovani scolari hanno fatto un lavoro impegnato sui diritti dei bambini con poesie e canti, a Vetralla, Cura, Tre Croci, Oriolo Romano e Blera hanno fatto lavori di ricerca, riflessioni e poesie accompagnati da cartelloni e canti, a Capranica il saggio di musica ha fatto da cornice a splendidi manifesti creati dai bambini, a Barbarano Romano i piccoli della scuola dell’infanzia hanno recitato e cantato davanti a genitori coinvolti e visibilmente commossi, così come presso la scuola dell’infanzia di Bassano Romano.

 

A Caprarola ad un incontro strutturato con riflessioni e recita, ha fatto seguito lo splendido percorso itinerante di teatro per le vie del borgo. Gli incontri si concluderanno nel mese di ottobre a Vejano con un piccolo testo di poesie che gli alunni hanno elaborato . Gli eventi finali altro non sono che il prodotto di un percorso che dura tutto il periodo scolastico e si conclude con questi splendidi lavori. Ciò arricchisce adulti e bambini, l’intera comunità e tutti noi, operatori e Amministratori, che crediamo in tale progetto e che vorremmo vederlo crescere e con lui i tanti bambini che hanno bisogno di un grande gesto di solidarietà ed accoglienza.

 

Giulio Menegali Zelli Iacobuzi (foto)
Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Vetralla

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email