Si vota dalle ore 7:00 alle ore 23:00 del 26 maggio 2019.

Per poter votare l’elettore deve recarsi nella sezione in cui è registrato (indicata sulla tessera elettorale) munito di un documento di riconoscimento e della tessera elettorale. Vista la contestuale elezione dei membri del Parlamento Europeo, lo scrutinio delle elezioni comunali inizierà il lunedì successivo (27 maggio) alle ore 14.

 

 

Comuni con meno di 5.000 abitanti
Nei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, l’elezione del Consiglio comunale è contestuale all’elezione del sindaco.

L’elettore può esprimere un voto per un candidato sindaco (valido anche per la lista ad esso collegata), tracciando un segno sul relativo contrassegno. Può altresì esprimere un voto di preferenza per un candidato consigliere comunale compreso nella lista collegata al candidato sindaco prescelto, scrivendone il cognome nell’apposita riga.

È eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

Comuni tra 5.000 e 15.000 abitanti
Nei Comuni con popolazione compresa tra 5.000 e 15.000 abitanti l’elezione del Consiglio comunale è contestuale all’elezione del sindaco. L’elettore può esprimere un voto per un candidato sindaco (valido anche per la lista ad esso collegata), tracciando un segno sul relativo contrassegno. Può altresì esprimere fino a due voti di preferenza per i candidati alla carica di consigliere comunale compresi nella lista collegata al candidato sindaco prescelto, scrivendone i cognomi nelle apposite righe. Se ne esprime due, questi devono essere espressi a favore di due candidati di genere diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza.

È eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

 

Comuni con più di 15.000 abitanti
Nei Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti, l’elettore può esprimere:

  • un voto per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno: il voto è valido anche per il sindaco collegato alla lista prescelta;
  • un voto per un candidato alla carica di sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo: il voto è valido solo per il candidato sindaco;
  • un voto per un candidato sindaco e per una lista ad esso collegata, tracciando un segno sul relativo rettangolo e sul relativo contrassegno;
  • un voto per un candidato sindaco e per una lista ad esso non collegata (voto disgiunto), tracciando un segno sul relativo rettangolo e sul relativo contrassegno.
  • Può altresì esprimere fino a due voti di preferenza per i candidati consiglieri compresi nella lista prescelta, scrivendone i cognomi nelle apposite righe. Se ne esprime due, questi devono essere espressi a favore di due candidati di genere diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza.

È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno); qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare domenica 9 giugno per il ballottaggio tra i due candidati più votati.

 

Per la provincia di Viterbo saranno chiamati al voto i seguenti comuni:

Bagnoregio (3623 abitanti), sindaco uscente Francesco Bigiotti

Bassano in Teverina (1277 abitanti), sindaco uscente Alessandro Romoli

Bolsena (4137 abitanti), sindaco uscente Paolo Equitani

Calcata (905 abitanti), sindaco uscente Sandra Pandolfi

Canepina (3149 abitanti), sindaco uscente Aldo Maria Moneta

Capodimonte (1741 abitanti), sindaco uscente Mario Fanelli

Castiglione in Teverina (2385 abitanti), sindaco uscente Mirco Luzi

Celleno (1343 abitanti), sindaco uscente Marco Bianchi

Cellere (1230 abitanti), sindaco uscente Edoardo Giustiniani

Civita Castellana (15596 abitanti), sindaco uscente Gianluca Angelelli

Civitella d’Agliano (1658 abitanti), sindaco uscente Giuseppe Mottura

Farnese (1631 abitanti), sindaco uscente Massimo Biagini

Gradoli (1474 abitanti), sindaco uscente Luigi Buzi

Graffignano (2319 abitanti), sindaco uscente Anselmo Uzzoletti

Ischia di Castro (2795 abitanti), sindaco uscente Salvatore Serra

Monte Romano (2007 abitanti), sindaco uscente Maurizio Testa

Monterosi (3868 abitanti), sindaco uscente Sandro Giglietti

Nepi (9353 abitanti), sindaco uscente Pietro Soldatelli

Onano (1017 abitanti), sindaco uscente Giovanni Giuliani

Piansano (2147 abitanti), sindaco uscente Andrea Di Virginio

San Lorenzo Nuovo (2166 abitanti), sindaco uscente Massimo Bambini

Tarquinia (16016 abitanti)

Tessennano (350 abitanti), sindaco uscente Ermanno Nicolai

Tuscania (8145 abitanti), sindaco uscente Fabio Bartolacci

Vejano (2298 abitanti), sindaco uscente Alberto Rinelli

Villa San Giovanni in Tuscia (1313 abitanti), sindaco uscente Mario Giulianelli.