Giovanni Gidari

VETRALLA – “La fallimentare gestione dell’amministrazione del Sindaco Coppari è sotto gli occhi di tutti ciò nonostante cerca di arrampicarsi sugli specchi per cercare di dimostrare il contrario.

Addirittura in una recente intervista, che ha rilasciato sui social e sulla stampa, ha dichiarato che sta “imparando ancora il mestiere” dimenticando di aver già fatto 5 anni di opposizione quale consigliere di minoranza … quindi se tanto mi da tanto!

A tal proposito il sindaco Coppari dovrebbe sapere che le riunioni delle commissioni consiliari per la trattazione degli argomenti, da portare all’esame del consiglio comunale, dovrebbero essere effettuate in tempo utile prima della seduta del consiglio per un approfondito esame degli stessi argomenti; dovrebbe poi assicurare che puntualmente vengano date risposte alle interrogazioni rivolte agli assessori da parte dei consiglieri di minoranza.

Dovrebbe inoltre sapere unitamente al Presidente del Consiglio, quali garanti della validità delle sedute consiliari, che non si può, insieme alla sua maggioranza, abbandonare la seduta del consiglio comunale, impedendo in tal modo la discussione dei punti all’ordine del giorno, prendendo a pretesto solo il futile motivo di una legittima richiesta avanzata dalla minoranza per la verifica del numero legale.

Il Sindaco Coppari indebitamente sostiene, inoltre, di aver raggiunto risultati importanti come la riduzione dell’arsenico dell’acqua pubblica, la sistemazione delle strade e la ristrutturazione della scuola media “Andrea Scriattoli”.

A tal proposito è bene ricordargli:

– che gli impianti di dearsenificazione sono stati progettati, finanziati e realizzati dalla Regione durante la precedente amministrazione e che il compito del Sindaco è solo quello di emettere l’ordinanza di potabilità o meno, qualora dovessero variare i valori di arsenico stabilite dalle norme di legge;

– che il vantato finanziamento di oltre due milioni di Euro per la ristrutturazione dell’Istituto A. Scriattoli in realtà non è stato ancora concesso dalla Regione Lazio ma trattasi bensì di una proposta progettuale della stessa Regione inviata al Ministero, di cui al fondo dell’art. 1 comma 140 della legge 11 dicembre 2016 numero 232, i cui termini di attuazione sono, allo stato, ancora indefiniti e non prevedibili;

Per quanto concerne il punto di cottura presso la scuola di Piazza Marconi il sindaco Coppari dimentica che all’inizio della sua Amministrazione era già in atto una procedura di gara di appalto per il servizio di refezione scolastica comprendente anche i lavori del centro di cottura “delibera di G.M. n. 192 del 22/9/2015”. Tale procedura si è conclusa con l’aggiudicazione definitiva e conseguente sottoscrizione in data 26/5/2017 del relativo contratto da parte della ditta affidataria. Il punto di cottura, visti i tempi di attuazione previsti, doveva pertanto essere già operativo.

– che per la disastrosa situazione delle strade ci sono da evidenziare solo ritardi, altro che battaglie vinte!

Per la strada del cimitero vecchio era già stato approvato il progetto esecutivo ed erano disponibili le risorse finanziarie derivanti dagli espropri ANAS per il completamento della trasversale Orte Civitavecchia per cui poteva essere realizzata immediatamente.

Anche i lavori da realizzare per la sistemazione delle strade comunali per un importo di 400 mila euro, di cui attualmente sono in corso le procedure di gara di appalto, dovevano essere già eseguiti in considerazione del fatto che le risorse finanziarie da utilizzare sono costituite da devoluzioni di mutui già disponibili nelle casse comunali dagli anni passati; un ritardo che ha comportato un ulteriore aggravio delle condizioni delle strade che non può essere pubblicizzato come efficienza amministrativa.

Relativamente alla disastrosa situazione della strada Cassia che attraversa le frazioni di Botte – Cura e Vetralla via Eugenio IV è da evidenziare che i lavori di sistemazione provvisoria, effettuati in questi giorni dall’ASTRAL società della Regione che ha in gestione la strada Cassia, sono stati necessari ma intempestivi e complessivamente inadeguati comportando uno sperpero di denaro pubblico che doveva essere evitato.

Il sindaco Coppari, infatti, avrebbe dovuto disporre iniziative molto più incisive nei confronti della Regione per un suo tempestivo intervento programmato e risolutivo anziché fare annunci di interventi, per circa due milioni di Euro, che a suo dire dovrebbero realizzarsi a marzo/aprile e che potrebbero invece non essere veritieri in quanto tuttora non risultano atti ufficiali in merito.

Riguardo la raccolta dei rifiuti il sindaco Coppari non può ignorare di aver annullato l’affidamento di un servizio senza aver valutato preventivamente le eventuali conseguenze che si sono poi verificate, causando un inutile esborso di denaro da parte dell’amministrazione e tuttora un mancato avvio della gestione del nuovo servizio, con ricadute economiche a carico della popolazione. (relativamente alla sua asserita inadeguatezza del bando, motivo del ritardo di avvio del servizio, non posso non ricordare al sindaco Coppari di essersi astenuto al momento della sua approvazione durante la precedente amministrazione).

Finora nulla è stato fatto da questa amministrazione per migliorare l’attuale servizio di raccolta dei rifiuti che è stato privato di numerosi contenitori per il conferimento, con notevoli disagi per i cittadini a fronte di un servizio dagli stessi pagato profumatamente. Sono oltre 40 i contenitori che risultano essere stati tolti nelle zone di: La Botte, Fossogrande, La Selvarella, via Sant’Angelo, Tre Croci, Mazzacotto, via Croce di Pasquini e Giardino.

Tale operazione ha stravolto la forma organizzativa del servizio rifiuti per quanto concerne le distanze di collocamento dei contenitori per lo smaltimento, previste dal capitolato d’appalto, consentendo risparmi alla ditta affidataria ma provocando, nel contempo, disagi al cittadino in termini di distanza dei contenitori.

Inoltre, così come si è potuto constatare, i contenitori ubicati nei punti di raccolta, molti dei quali mal ridotti, non hanno la capacità di ricevere i rifiuti prodotti e si continuano a vedere enormi cumuli di rifiuti all’esterno, a danno dell’estetica e pericolosi dal punto di vista igienico sanitario. E si potrebbe ancora continuare. Bel cambio di rotta Sindaco Coppari. Complimenti!”

 Giovanni Gidari
Consigliere Comunale “Lista Progetto Vetralla

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email