“Nella Fase 2 dell’emergenza coronavirus, dobbiamo evitare che, ancora una volta, siano le mamme lavoratrici ad essere penalizzate nell’ambito della difficile conciliazione tra rientro a lavoro e necessità famigliari, visto che anche le misure di sostegno del Governo nazionale, come…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteVallerano, iniziative per la tutela di attività commerciali ed imprese
Articolo successivoViterbo, online l’avviso per le borse di studio 2019/2020