“Ridurre il pagamento della quota Siae per tutte quelle realtà imprenditoriali come cinema all’aperto, ristoranti, piano bar che, nella loro attività quotidiana, utilizzano la proprietà intellettuale ed il diritto d’autore.
In un momento come quello che stiamo vivendo, la programmazione della stagione estiva – che se non è compromessa parte però con un fortissimo handicap – di queste realtà produttive, scaturisce dalla ottimizazione tra i pochi ricavi e le sicure perdite che l’attuale contingenza genererà.
Gravare ulteriormente tanti imprenditori di tasse fuori luogo vista l’emergenza significherebbe compromettere, e dunque strangolare, un’economia stagionale in maniera definitiva.
La Lega farà di tutto, nei prossimi passagggi parlamentari, per sostenere le prerogatove del comparto, perchè è giunta davvero l’ora di trasformare le promesse in sostegno concreto e tangibile”.
Così il senatore della Lega Umberto Fusco.