VITERBO – Incassata la fiducia sia alla Camera che al Senato , il ventottesimo presidente del consiglio, Paolo Gentiloni Silveri è ufficialmente alla guida del sessantaquattresimo governo della Repubblica italiana: conosciamo meglio i ministri designati.

– Paolo Gentiloni Silveri , PRESIDENTE DEL CONSIGLIO , discendente da una nobile famiglia di Conti del Maceratese , nasce a Roma il 22/11/ 1954, strtettissimo collaboratore di Matteo Renzi, giornalista professionista , laureato in scienze politiche e braccio destro di Rutelli quando questi era sindaco di Roma . Militante sin da giovanissimo nell’estrema sinistra di lui si dice che fosse un ” nobile ribelle “.

– Anna Finocchiaro , nata a Modica ( Ragusa ) laureata in giurisprudenza , magistrato , già nel 1987 venne eletta deputato nelle file del partito comunista , appena eletta lascia subito la magistratura per dedicarsi completamente alla politica .MINISTRO AI RAPPORTI CON IL PARLAMENTO.

– Enrico Costa , politico ed avvocato, venne eletto per la prima volta alla Camera nel 2006 nelle file di Forza Italia , passato poi nel nuovo centro destra dove è divenuto relatore , molto discusso per essere uno dei promotori del lodo Alfano . Ventiquatto anni fa il padre ha ricoperto la carica che oggi il figlio ricopre .MINISTRO AGLI AFFARI REGIONALI .

– Marianna Madia , nata a Roma il 05/09/1980, laureata in scienze politiche , Esponente PD , fu scelta dalla segreteria di Veltroni nel 2008 , in passato una relazione con il figlio di Giorgio Napolitano , ha offerto materia di polemiche circa la sua canditatura, è denominata ” la raccomandata di ferro ” . MINISTO ALLA SEMPLIFICAZIONE E P.A .

– Claudio De Vincenti , nato a roma il 28/10/1948 , economista e professore universitario , fu scelto da Monti e riconfermato da Letta , sottosegretario allo sviluppo economico, è descritto come l’intoccabile di palazzo Chigi ; di matrice diessina della corrente dei Napolitano Visco e Bassanini . MINISTRO ALLA COESIONE TERRITORIALE ED IL MEZZOGIORNO.

– Luca Lotti , trentuno anni , diventa personaggio centrale del partito democratico , dal giorno in cui Renzi diventa Segretario PD.
Rinuncia ad un posto sicuro in banca scegliendo la politica e diventando così il braccio destro di Renzi , è soprannominato “lampadina”. MINISTRO ALLO SPORT .

– Angelino Alfano , nato ad Agrigento il 31/10/1970, laureato in giurisprudenza , inizia la sua carriera politica con la Democrazia Cristiana ,
nel 2001 nelle liste di Forza Italia Viene eletto deputato. Nel 2013 favorisce la decadenza di Berlusconi fondando il nuovo centro destra di cui diviene Presidente . L’operato di Alfano come ministro dell’interno del governo Renzi è stato oggetto di feroci critiche da parte dei partiti di destra , circa il rendere poco sicure le città italiane e la vicenda delle identificazioni dei migranti. MINISTRO AGLI ESTERI .

– Marco Minniti , classe 56′ , reggino , laureato in filosofia , militante già nella FGCI poi nel PCI fin dalla gioventù denominato ” l’uomo dei segreti ” . Con Prodi viene nominato per la prima volta nel 2006 vice Ministro dell’interno , ma è con Renzi che acquista sempre più potere . In una vicenda di un ex deputato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa nel 1995, per la prima volta spunta il nome di Minniti . MINISTRO ALL’ INTERNO .

– Andrea Orlando , nato a La Spezia 08/02/1969, dopo aver fatto tutta la trafila nei vari pci – ds , nel 2006 viene eletto deputato nelle fila dell’ulivo , nel 2007 aderisce al partito democratico e il 21 /02/2014 viene nominato Ministro da Renzi e riconfermato da Gentiloni . MINISTRO ALLA GIUSTIZIA :

– Roberta Pinotti , nasce a Genova il 20/05/1961, laureata in lettere , si occupa di politica seguendo l’evoluzione del pci e nel 2001 viene eletta deputata alla camera , pupilla di Giorgio Napolitano e di Renzi , nel 2014 ricopre la carica di Ministro della difesa ( prima donna della repubblica italiana ad assumere tale incarico ), di lei si dice che sarà il nuovo presidente della repubblica , a spingerla al colle ci sarebbero diversi salotti dell’alta finanza . MINISTRO ALLA DIFESA .

– Pietro Carlo Padoan , classe 50′ , laureato in economia , accademico italiano , economista e professore universitario è politicamente un indipendente di sinistra . Gode di un ottima reputazione tra i leader della UE ed è molto gradito negli ambienti del pd . Nota è la polemica con Matteo Salvini che gli chiede: ” quanto costa un litro di latte ? ” ed il buon Giancarlo inizialmente non risponde poi dice: ” Da quando faccio questo lavoro non faccio più spesa ” , dimostrando la sua lontananza dalla realtà del paese .
Eletto Ministro da Renzi e riconfermato da Gentiloni . MINISTRO ALL’ ECONOMIA.

– Carlo Calenda , classe 63′ , romano , laureato in giurisprudenza , incarichi di lavoro in Ferrari, Sky ed in Confindustria , aderisce al partito democratico ed il 10/05/2016 viene nominato ministro da Renzi in sostituzione della dimissionaria Federica Guidi , amico intimo di Montezemolo , si definisce un pò manager ed un pò politico . Riconfermato da gentiloni . MINISTRO ALLO SVILUPPO ECONOMICO.

– Maurizio Martina , classe 78′ , laureato in scienze politiche , fa tutta la trafila nei democratici di sinistra e nel 2007 approda nel partito democratico , uomo di fiducia di Renzi che lo nomina Ministro nel 2014 con delega all’ EXPO di Milano 2015 , riconfermato da Gentiloni . MINISTRO ALLE POLITICHE AGRICOLE .

– Gianluca Galletti , nasce a Bologna il 15/07/1961, laureato in scienze economiche , commercialista e revisore dei conti in grandi banche e grosse società , da sempre in politica viene eletto deputato alla camera nelle file dell’ udc nel 2006, si ricandida nel 2013 ma non viene eletto , sempre nel 2013 viene chiamato da Renzi come ministro, riconfermato da Gentiloni. MINISTRO ALL’AMBIENTE .

– Graziano Delrio , nasce a Reggio Emilia il 27/04/1960, laureato in medicina, per molti anni sindaco di Reggio ( due Mandati ) , inizialmente fa parte del partito Popolare poi della Margherita infine entra nel partito Democratico, Renzi lo nomina prima sottosegretario alla presidenza del consiglio poi Ministro dei trasporti, carica che ricopre ancora nominato da Gentiloni .
MINISTRO DEI TRASPORTI.

– Giuliano Poletti , nasce a Imola il 19/11/1951, diplomato agrotecnico , giovanissimo entra in politica fa la trafila nelle fila del pci, pds, ds ed infine entra nel partito democratico , qui è stato nominato presidente nazionale di lega coop , poi Renzi lo chiama come ministro del lavoro , riconfermato in carica con Gentiloni. MINISTRO AL LAVORO .

– Valeria Fedeli , classe 49′ , sindacalista , lascia la cgil per candidarsi al senato dove diventa vice presidente , nominata ministro da Gentiloni . Subito accusata di mentire sul titolo di studio , pare che il ministro si spacci per laureata in scienze solciali , quando in realtà possiede un diploma-attestato di scuola per assistenti sociali. MINISTRO ALL’ ISTRUZIONE.

– Dario Franceschini , ferrarese classe 58′ laureato in giurisprudenza , da sempre in politica inizialmente con la democrazia cristiana ,poi esponente del partito popolare italiano e con la scissione entra nell’ulivo, viene eletto deputato per la prima volta nel 2001, e rieletto nel 2006, nasce il partito democratico e lui ne diventa nel 2007 vice segretario e nel 2009 segretario, poi verrà sconfitto nelle primarie da Bersani. Nel 2013 viene eletto deputato alla camera e Renzi lo nomina minisrto ; famosi gli sms con la quale invitava gli amici a votare la compagna per il consiglio comunale di Roma . Rieletto in carica con Gentiloni . MINISTRO AI BENI CULTURALI .

– Beatrice Lorenzin nasce a Roma il 14/10/ 1971 , ha come titolo di studio la maturità classica , entra in politica nelle fila di forza italia nel 1996 , eletta nella camera dei deputati nel pdl nel 2008 , riconfermata alle elezioni del 2103 , sceglie di aderire al ncd di Alfano, ed è dal governo Letta, poi con Renzi e riconfernmata da Gentiloni che ricopre la carica di ministro . MINISTRO ALLA SALUTE.

– Maria Elena Boschi , nasce a Montevarchi il 24/01/1981, maturità classica e laurea in giurisprudenza , figlia di Pier Luigi Boschi ,
consigliere d’amministrazione di Banca Etruria .Prima di intraprendere l’attività politica , lavora come avvocato specialista in diritto bancario. in politica dal 2008 con il centro sinistra , poi aderisce ai rottamatori del pd di Renzi che la nomina subito ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il parlamento. Famosa la sua frase : ” se vince il no al referendum lascio la politica ” , con Gentiloni ricopre una delle cariche più importanti di Governo . SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO (prima donna a ricoprire tale incarico)

Evandro Stefanoni

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email