REGIONE – “L’assessore Hausmann, sebbene persona seria e competente, scivola sull’accordo sul prezzo del latte e cede ad un eccesso di ottimismo, esagerando non poco il ruolo e i meriti della Regione Lazio. L’incremento di 3 centesimi è un fatto positivo, che accogliamo con soddisfazione, ma frutto della determinazione degli allevatori e del buon andamento del mercato del latte a livello europeo e nazionale, non certo conseguenza di chissà quale impegno della Regione Lazio. E mi auguro, peraltro, che oltre a Centrale del Latte di Roma, l’accordo sia stato raggiunto anche con le realtà industriali del settore”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Lazio, Daniele Sabatini (foto).

“Ci aspettiamo che l’assessore Hausmann sarà altrettanto decisivo, e in grado di bloccare il prezzo del latte, anche quando il mercato potrà segnare punti di caduta, con effetti negativi e anche a livello regionale – aggiunge – . Così come sarebbe opportuno che iniziasse ad occuparsi maggiormente della qualità del latte, a riproponendo, ad esempio, il progetto Qualità latte bovino alimentare (QLBA) insieme alle cooperative, alle associazioni degli allevatori e all’Istituto zooprofilattico Lazio e Toscana per dare un supporto serio sia nelle fasi di miglioramento del latte sia di fecondazione e cura degli animali bovini. Per non parlare, infine, della necessità di sostenere la logistica delle imprese cooperative che stanno ancora soffrendo il difficile momento congiunturale economico”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email