TARQUINIA – “La competenza sui festeggiamenti per Sant’Antonio Abate, compresa quella di fissare la data dello svolgimento, non è dell’Università Agraria di Tarquinia ma del Comitato organizzatore, che ha stabilito all’unanimità di spostarla dal 17 al 24 gennaio.

 

La decisione è stata presa solo per favorire la partecipazione di quanti più cavalieri possibili, confidando anche sull’afflusso dai comuni limitrofi. Se si fosse deciso di celebrare la ricorrenza il 17 gennaio, l’Ente avrebbe partecipato con lo stesso entusiasmo e lo stesso sostegno. Il tentativo del consigliere Manuel Catini di trasformare una festa popolare e religiosa in una questione politica a proprio vantaggio, accusando infondatamente l’Università Agraria, è di pessimo gusto. Il “prode” alfiere dell’opposizione, cui piace tanto misurare il consenso attraverso i “like” di facebook, faccia un bagno di umiltà e ammetta di aver sbagliato, anche perché sappiamo che ha avuto chiarimenti dai diretti interessati, su come siano andate le cose. Ha collezionato una brutta figura, l’ennesima, smentito dalla realtà dei fatti.

 

L’Università Agraria, soprattutto in questi anni, ha offerto un sostanziale contribuito per la buona riuscita della manifestazione, collaborando in modo fattivo all’interno del Comitato. Per quanto riguarda la partecipazione dei cavalieri, l’Ente, come il Comitato, hanno sempre tenuto a coinvolgere tutti con la massima disponibilità, individuando ogni migliore forma di collaborazione e partecipazione. L’evento, che si è affermato come una splendida tradizione della nostra città, vede da anni Alberto Blasi, in passato come assessore, oggi come presidente, in prima fila nel curare gli aspetti organizzativi. E la buona riuscita delle ultime edizioni conferma lo spirito con il quale la festa deve essere vissuta.

 

Al consigliere Catini diciamo che non basta essere giovani per essere capaci. Rifletta sui contenuti delle sue dichiarazioni e su come dovrebbe proporsi per il bene dell’Università Agraria e per instaurare quel colloquio fattivo e responsabile che tanto sbandiera ma poi, con i fatti, dimostra di non volere”.

 

Amministrazione dell’Università Agraria di Tarquinia

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email