VITERBO – “Quando il gatto non c’è, i topi ballano”, è il detto di un vecchio proverbio italiano che molti conoscono e si pronuncia ogni qualvolta si vuole sottolineare inopportuni comportamenti praticati durante l’assenza di chi non li tollererebbe.  …

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedente“Dall’opposizione totale assenza di responsabilità”
Articolo successivoUn progetto di 312 mila euro per la valorizzazione del parco di Vulci