REGIONE – “L’ennesima frenata sull’Imu agricola desta grande preoccupazione. Dopo la decisione del Tar, il 26 gennaio scatterà un’imposta ingiusta, decisa all’ultimo momento dal governo, e che sta creando notevoli difficoltà alle amministrazioni. Zingaretti non resti sordo al grido d’allarme delle aziende agricole e dei comuni del Lazio e si adoperi per evitare questo ulteriore balzello”. E’ quanto dichiara Daniele Sabatini (foto), consigliere Ncd della Regione Lazio.

 

“Oltre al silenzio assurdo del governo – aggiunge – è da registrare anche l’indifferenza delle istituzioni locali, a partire dalla Regione Lazio. Ncd sta portando avanti da settimane una importante battaglia in Parlamento per scongiurare questo tributo iniquo, la Regione Lazio faccia la sua parte al fianco degli agricoltori e dei Comuni che legittimamente chiedono al governo di prorogare la scadenza dei pagamenti e rivedere i criteri di esenzione per i terreni agricoli delle zone montane”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email