SAN LORENZO NUOVO – Anche Il Comune di San Lorenzo Nuovo ha aderito al nuovo ricorso proposto dall’ANCI Lazio contro le nuove disposizioni che regolamentano il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli, in particolare il decreto legge 4 del 2015.

 

Secondo il citato provvedimento il pagamento dell’IMU avverrà sulla base della classificazione ISTAT che prevede tre categorie di comuni: categoria T (territorio montano) che avrà l’esenzione totale; categoria P (territorio parzialmente montano) ove l’esenzione riguarderà solo i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli; infine la categoria NM (territorio non montano) dove pagheranno tutti.

 

Purtroppo il Comune di San Lorenzo Nuovo, nonostante da diversi anni faccia parte della Comunità Montana Alta Tuscia Laziale, appartiene alla categoria NM (non montano) e dunque per il 2015 tutti i proprietari di terreni agricoli, compresi imprenditori agricoli e coltivatori diretti saranno costretti a pagare l’IMU; per l’imposta relativa al 2014 invece saranno esentati i terreni posseduti e condotti da imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti.

 

L’Amministrazione Comunale ritiene che le norme relative al pagamento dell’IMU sui terreni agricoli siano inique ed estremamente penalizzanti per un settore già in estrema difficoltà come quello agricolo e indeboliscono in maniera eccezionale le casse del Comune per le quali il Governo ha già tagliato oltre 79.000 euro per il 2014 e circa 104.000 per il 2105, stimando che tali somme rientrino al Comune con il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli; per questi motivi l’Amministrazione Comunale ha deciso di lanciare un segnale importante aderendo anche al nuovo ricorso al TAR proposto dall’ANCI regionale, così come aveva già fatto per il precedente. Con l’occasione si ricorda comunque che per il 2014, indipendentemente dal ricorso proposto, per coloro che non sono esentati dal pagamento dell’imposta la scadenza è fissata al 10 febbraio 2015.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email