MONTALTO DI CASTRO – “E’ notizia di oggi che il segretario del Partito Democratico locale, Elisabetta Bronzetti,  si è dimessa dal suo incarico dopo un’attenta riflessione politica. Siamo dunque alle porte del secondo commissariamento della sezione montaltese in meno di tre anni.

 

Un PD che aveva eletto la sua segretaria dopo la spiacevole vicenda dell’accusa di brogli elettorali con l’altro candidato alle primarie Fabio Valentini.

 

…”Non è utile un partito che lavora per gruppi” – afferma Elisabetta Bronzetti. Questo a riprova di quello che diciamo da tempo, e cioè che il Partito Democratico locale è un’accozzaglia di correnti in cui evidentemente qualcuno pensa più a riconquistare la poltrona che a costruire qualcosa di utile per il nostro paese.

 

Eppure avevamo più volte cercato di coinvolgerli nel dialogo: dal biogas all’arginatura del fiume Fiora. Un dialogo che non è mai potuto decollare a causa delle divergenze tra la sezione locale e i suoi consiglieri comunali, a due dei quali addirittura il segretario provinciale ha chiesto inutilmente un passo indietro.

 

Un PD, che alla guida del segretario ormai dimissionato, in quasi tre anni da opposizione non ha presentato alcuna proposta e/o mozione in Consiglio comunale. Un PD, che tra una lite e l’altra tra la sezione e lo scrannio comunale, si è presentato in Consiglio più volte evitando di votare, lasciando l’aula o addirittura votando in modo differente, nonostante i tre della minoranza appartengano tutti al medesimo schieramento politico.

 

Il Partito Democratico appare dunque sempre più allo sfascio ma queste varie fazioni di cui parla il suo segretario dimissionario non possono sicuramente essere estranee alla sua gestione, che agli occhi di molti è sembrata più adatta all’organizzazione delle feste de l’unità che alla creazione di un percorso unitario, di rinnovamento e di costruzione per Montalto e Pescia.

 

Come coalizione Caci Sindaco prendiamo atto di dover governare un paese senza l’ausilio dell’opposizione, che in poco meno di 36 mesi come unico atto concreto ha cambiato il nome del gruppo consiliare da “Lista Primavera” a “gruppo PD”.

 

Come amministrazione di questo paese siamo comunque prospettati a mettere in campo, e lo stiamo facendo costantemente, tutte quelle manovre che permettano al territorio di crescere e tornare ad avere l’immagine che merita.

 

Lo stiamo facendo con fatti concreti e non con le chiacchiere o i post sui social network. Lo stiamo facendo attraverso le tante agevolazioni finanziarie, come l’azzeramento dalla tasi, la diminuzione della Tari, l’apposizione dell’aliquota minima prevista dalla legge per l’imu sui terreni agricoli.

 

Lo stiamo facendo attraverso i numerosi lavori pubblici e di decoro urbano che sono iniziati o che stanno per partire: dal rifacimento di Via Arbea al Lungomare Harmine; dall’asfaltatura delle strade di Montalto e Pescia (rurali e non), alla realizzazione della fermata degli autobus; dall’installazione dei dearsenificatori e potabilizzatori, alla realizzazione della nuova ludoteca di Pescia e quella in fase di ultimazione a Montalto; dai nuovi locali per i bambini come quello della logopedia a Montalto, alla sostituzione della segnaletica orizzontale e verticale del paese; dalla pulizia e la messa in sicurezza del sottopasso, della scala pubblica a via Aurelia Tarquinia, alla riqualificazione della piazza del comune; dalla realizzazione del cavalcavia sulla SS Aurelia che ha posto fine ai disagi della località Imposto di Pescia Romana, alla firma del protocollo d’intesa per la cessione dei beni Arsial al comune, e, tanto altro ancora.

 

Lo stiamo facendo, inoltre, attraverso un dettagliato programma di sviluppo turistico e culturale, che passa dal teatro Padovani, dalla costituzione della nuova Fondazione Vulci e dalla riproposizione del Festival di Vulci, con una promozione turistica che passa dalle mostre all’estero, come quella a Bruxelles, alla riscoperta delle tradizioni locali attraverso le tante manifestazioni come quelle dei Santi Martiri e del carnevale; e ancora.. la sagra del melone, quella dell’asparago e, da ultimo, ma non per importanza, la fiera Maremma d’aMare.

 

Lo stiamo facendo, infine, attraverso il raggiungimento dell’ultima fase per l’approvazione del piano regolatore (che i cittadini aspettano dal 1974), e l’inserimento del nostro paese nel “piano dei porti” regionale. Per questo, ringraziamo la Regione Lazio, con la quale, pur essendo rappresentata dallo stesso partito che a Montalto svolge il ruolo di opposizione, abbiamo instaurato un dialogo costruttivo basato sull’unica volontà comune di dar vita a progetti per la crescita del territorio.

 

Ci sarebbe piaciuto avere questo rapporto anche con la minoranza locale: purtroppo la cosa non è possibile, e di certo non per colpa nostra. Sappiamo comunque quali sono le esigenze di Montalto e Pescia e continueremo per tutto il mandato elettorale che ci è stato conferito a lavorare per il bene dei cittadini. Lo faremo non per la lotta alle poltrone, ma per la nostra comunità”.

 

Coalizione “Caci Sindaco”

Commenta con il tuo account Facebook