VITERBO – “Caro sindaco, a quando l’abbellimento di palazzo dei Papi, del campanile del Duomo e della Torre Scacciaricci? Abbiamo notato che lei e la sua giunta siete diventati molto tecnologici, ma anche dei designer di primissimo livello, conclusioni che traiamo ammirando la torre di piazza del Comune, ridotta a una autentica antenna.

 

Qualcuno della sua maggioranza, in passato, aveva proposto di far rivivere e valorizzare al meglio questa bella e centralissima struttura, compreso il suo orologio; ma non crediamo intendessero renderla a tutti gli effetti un ripetitore come ce ne sono sui monti intorno alla città.

 

Tornando seri, ci piacerebbe sapere a chi è venuta l’idea di farcire la torre con questi ripetitori e soprattutto chi è stato a dare l’autorizzazione a commettere questo scempio. La cosa che ci fa ulteriormente sorridere, ma è un sorriso purtroppo amaro, è che la sua maggioranza si riempie quotidianamente la bocca con la parola cultura. Se questi sono i risultati forse è meglio tacere un po’ più spesso”.

 

Il direttivo comunale di FondAzione

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email