«​Scriviamo in riferimento ad uno degli ultimi comunicati a mezzo stampa del Sindaco del Comune di Acquapendente, Angelo Ghinassi, nel quale, annunciando il finanziamento di 319 mila euro (proveniente dal piano di sviluppo rurale della Regione) per opere di manutenzione delle strade rurali che riguardano due tracciati vicino Trevinano, coglie l’occasione per fare riferimento al nostro comunicato stampa nel quale ci rallegravamo per i 500 mila euro autorizzati dal Governo e accusare la Lega di attribuirsi “meriti che non ha con un trionfalismo che è solo un tentativo mal riuscito di propaganda politica”.

A questo punto è doveroso ribadire i seguenti punti: 1) i progetti di cui si sta parlando sono stati redatti circa sei anni fa dalla vecchia AmministrazioneComunale e più precisamente sono parte di un progetto più ampio che prevede finanziamenti per due milioni di euro. In questo contesto, è chiaro che riportando nel comunicato che sono stati commissionati dal Comune, il Sindaco omette di dire che non si tratta dell’attuale Amministrazione, creando una falsa ioinformazione. 2) I 319 mila euro citati per il finanziamento della viabilità rurale potrebbero derivare invece da un finanziamento non sfruttato 5 anni fa in quanto il Comune non aveva i fondi necessari a coprire la sua parte. In modo vergognosamente tendenzioso veniamo accusati di attribuirci dei meriti che non abbiamo, ma è specificato chiaramente nel nostro comunicato che è il Governo (di cui la Lega fa parte e il PD all’opposizione) ad aver autorizzato i fondi che finora erano rimasti bloccati dalla cattiva politica di Regione, Provincia e governo di centrosinistra. Chiediamo invece come fa il Sindaco ad attribuirsi i meriti della vecchia Amministrazione, soprattutto quando non riesce a chiudere nemmeno una buca o a tagliare l’erba quando è il momento. A questo aggiungiamo una gestione alquanto discutibile dei parcheggi nel centro storico. Vorremmo sapere anche quali progetti lascia nel cassetto, considerando che fino ad oggi non è stato eseguito nessun lavoro, tranne una ripulita alla statua di Girolamo Fabrizio e la relativa chiusura con dieci paletti (paletti usati tra l’altro anche in Via Roma, vicino alla sede della Posta)Tutti i lavori svolti sono frutto di progetti ideati da chi c’era prima, e stiamo facendo riferimento al Campo Sportivo, alla Scuola Elementare e a tanti altri: troppo facile attribuirsi i progetti precedenti con i  finanziamenti attuali e comperare il bosco del Sasseto con il mutuo che l’attuale (in parte) e soprattutto  le prossime Amministrazioni si troveranno a dover pagare… questo è per fare la dovuta chiarezza con i cittadini!»

Così si legge in una nota firmata Lega Salvini Premier, Coordinamento Comunale di Acquapendente.

Commenta con il tuo account Facebook