La Lega torna in piazza per manifestare la propria contrarietà alle scelte del Governo sul tema immigrazione, che con la politica dei porti aperti e del solito buonismo di sinistra, ha portato ad un incremento esponenziale degli sbarchi, importando così nuovi casi di Coronavirus nel Paese, dopo che gli italiani con i propri sacrifici ne avevano bloccato la diffusione.

Un fenomeno che alla luce del trasferimento degli immigrati prima a Valentano e poi a Proceno ed Orte, sta causando serie preoccupazioni per la salute dei cittadini della nostra provincia.

Con lo strumento democratico della raccolta firme vogliamo far sentire la voce di questa Italia contro un governo sordo al grido disperato della maggioranza degli italiani.

Tanti sono coloro che hanno voluto esprimere questa mattina il proprio sostegno e la propria vicinanza a Matteo Salvini, che a seguito del voto della maggioranza pd-5stelle, rischia ora fino a 15 anni di carcere per aver difeso i confini del nostro Paese e per aver stroncato il business dell’immigrazione clandestina quando era ministro dell’interno.

Saremo ancora presenti questo pomeriggio dalle 16 alle 19.30 su Corso Italia, di fianco alla Chiesa del Suffragio, e domattina, domenica 2 agosto, a Piazza della Rocca dalle 10.00 alle 13.00.