VETRALLA – “Il nostro Primo cittadino si pronuncia su Facebook: “ penso che il comune sia il costruttore, e noi cittadini i manutentori”. Io rispondo al nostro caro amico Sandrino, sono pienamente d’accordo che io, in quanto cittadino, ho il dovere di curare e prendermi a carico del mantenimento delle opere pubbliche; ma vorrei vedere anche da parte di chi ci amministra, prendere a cuore il nostro paese. Le nostre aree verdi ad esempio ci appaiono come degli enormi cespugli, incolti e distrutti, afflitti anche loro di essere stati abbandonati da chi di dovere spetta la manutenzione.

 

Desidererei sapere come mai dopo quattro anni di amministrazione, solo oggi, a pochi mesi dalle elezioni comunali, vi siete resi conto che noi cittadini siamo stanchi di vivere in un paese in cui vige il menefreghismo più assoluto, da parte di chi governa.

 

Tutto il lavoro che non è stato svolto in tutti questi anni, pensate solo ora di recuperarlo, facendovi una bella propaganda elettorale tramite i vostri profili Facebook.

 

Caro Sindaco, il modo di fare politica è cambiato: fortunatamente i cittadini sono più informati proprio grazie ai Social Network, e non credo che siamo così ignoranti da non capire che tutto quello che viene adesso fatto è solo per avvicinarci e convincerci a rileggervi.

 

Ricordatevi che quando il Diavolo vi accarezza vuole l’anima. Quindi miei cari amici compaesani è giunto il momento di cambiare Vetralla, per restituirle quei valori tradizionali e folkloristici che hanno contribuito a renderla speciale in passato e soprattutto per ritornare a sentire la vera valenza del senso civico”.

 

Gennaro Giardino

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email