VITERBO – Il presidente della Provincia Marcello Meroi (foto) ha inviato una nota al Capo Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso pubblico e Difesa civile del Ministero dell’Interno Antonio Musolino, per sollecitare il mantenimento in attività del Nucleo provinciale Sommozzatori dei Vigili del Fuoco.

 

“Sollecitato dal territorio che rappresento – ha scritto Meroi nella lettera – purtroppo mi trovo ancora una volta a dover lamentare le ripercussioni negative dei tagli che la spending review impone alla provincia di Viterbo. Mi riferisco, nello specifico di Sua competenza, alla chiusura del Nucleo provinciale sommozzatori dei Vigili del fuoco, a seguito del riordino del Corpo nazionale attuato dall’Esecutivo Renzi, che prevede la soppressione del presidio provinciale.

 

Ripetutamente negli ultimi mesi le Istituzioni locali hanno espresso la propria contrarietà alla riduzione di servizi che sul territorio garantiscono la sicurezza di un pronto ed efficace intervento. Ritenere, pertanto, che in caso di emergenza i cittadini della Tuscia debbano far capo alle unità di salvataggio di Roma o Firenze equivale ad azzerare efficienza e rapidità di intervento, qualità che invece da sempre hanno contraddistinto l’operato del Nucleo provinciale dei sommozzatori di Viterbo”.

 

“Di questa importante questione – ricorda ancora Meroi – ho più volte interessato il prefetto di Viterbo, dottoressa Antonella Scolamiero, affinché venisse garantito il mantenimento della piena operatività del Nucleo in un’area territoriale come la nostra che negli ultimi anni è stata colpita molto duramente da alluvioni e danni da maltempo, a cui i Vigili del fuoco hanno fatto fronte con solerzia, professionalità e competenza.

 

Mi rendo perfettamente conto della necessità di una riorganizzazione anche del sistema di pubblica sicurezza, accompagnato da politiche di spending review che ottimizzino la spesa come in altri comparti della pubblica amministrazione. Ma per evitare che, come accaduto a seguito della riforma delle Province, siano i cittadini a dover pagare scelte governative concepite con l’idea del risparmio e poi rivelatesi un mero impoverimento dei servizi locali all’utenza, è necessario che l’iter per la soppressione del Nucleo provinciale sommozzatori di Viterbo, previsto dal piano di riordino del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, venga immediatamente interrotto. Solo in questo modo – conclude – la Tuscia eviterà di perdere un presidio di sicurezza importante ed indispensabile”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email