VITERBO – Mense, ricorso E.P. S.p.A verso Serenissima Ristorazione S.p.A.: il Consiglio di Stato, con la sentenza di merito, in sede giurisdizionale, ha confermato la correttezza della procedura attivata dal Comune di Viterbo in occasione dell’affidamento del servizio mensa scolastica. La controversia trae origine dal ricorso proposto da E.P., azienda classificatasi al terzo posto nella gara pubblica per l’affidamento del servizio di refezione nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, per gli anni scolastici dal 2013 al 2016.

 

Già nello scorso mese di giugno il Consiglio di Stato, senza entrare nel merito, aveva sospeso l’efficacia della sentenza del TAR di annullamento dell’aggiudicazione alla ditta Serenissima, consentendo l’affidamento, a partire dal settembre 2014, alla predetta società. La sentenza di merito dà piena e definitiva conferma del primo provvedimento.

 

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Leonardo Michelini a conclusione di questa vicenda. “Il ricorso è un’azione spesso ricorrente tra ditte partecipanti a uno stesso appalto. Nel nostro caso la situazione era ancora più prevedibile, dal momento che la ricorrente, terza classificata in graduatoria, era la ditta vincitrice del precedente appalto. Al di là dell’iter giudiziario che è andato avanti in questi mesi, la sentenza del Consiglio di Stato conferma la trasparenza e la correttezza della procedura adottata dal Comune di Viterbo per l’affidamento della gestione delle mense scolastiche alla ditta vincitrice del bando”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email