I cittadini di Montefiascone si interrogano sulle cause che possono aver determinato la caduta del sindaco Massimo Paolini, specialmente dopo le chiare e sincere affermazioni dell’assessore dimissionaria Rita Chiatti.

 

Paolini non è riuscito a risolvere il problema creato dalle dimissioni della Chiatti, un problema che la sua Giunta rimanda da mesi, va avanti con un assessore in meno, irregolarità unica in Italia.

Sono state numerose le defezioni che sono avvenute all’interno della maggioranza, sempre giustificate sia dal Sindaco che dal Capo gruppo e sminuite del loro significato sia politico che amministrativo, quando invece erano sintomo del forte malumore che circolava nella maggioranza; malumore che è sfogato nella sfiducia di questi giorni.

È d’obbligo ricordare che nel primo anno di vita amministrativa questa maggioranza ha perduto prima il valido consigliere dott. Giovan Domenico Fabbri, poi il competente assessore Claudia Roscani, due elementi di grande valore;

nel secondo anno ha perduto l’esperto e capace consigliere Luciano Femminella;

nel terzo ha perduto, prima l’attivissimo e grande lavoratore consigliere Angelo Merlo, poi il combattivo Augusto Bracoloni;

nell’anno in corso ha perduto l’altro attivissimo ed amante della trasparenza, assessore Rita Chiatti;

in questi ultimi mesi ha perduto il giovane consigliere Rossano Capocecera, intelletualmente ben preparato, onesto ed amante della correttezza sia politica che Amministrativa, senza ignorare la sua lealtà e schiettezza, anche a livello personale oltre che politica.

 

Brigliozzi Pietro