“La replica dell’assessore Cicoria – commenta Gianluca Ferri, commissario  di Forza Italia Montefiascone, – denota un certo nervosismo da parte dell’amministrazione, anche comprensibile visto il decadimento generale della città e l’assenza sulle problematiche dell’amministrazione. 

Il numero dei parcheggi a pagamento è aumentato, non lo dice Forza Italia, ma lo dicono i numeri, che forse l’assessore Cicoria non ha letto. Se poi questo lo dobbiamo a questioni burocratiche legate all’appalto, non credo sia un problema di cui debbono farsi carico i cittadini ma, al contrario, gli amministratori che sono stati votati per farlo.

Le scuse legate al maltempo poste in essere dall’assessore Cicoria, poi, sono delle argomentazioni irrilevanti, che quando stava all’opposizione avrebbe rispedito indietro al mittente con la solita violenza verbale. Ma stavolta le è andata male, essendo anche lei, come membro di giunta, responsabile della incuria del verde pubblico. Se la prende col maltempo, ma le consigliamo di farsi un giro nei paesi limitrofi al nostro come Bolsena, Bagnoregio o Marta, per vedere cosa significa prendersi cura degli spazi verdi. A meno che Montefiascone non abbia subìto avversità metereologiche diverse da questi centri, ma non mi pare, c’è una differenza di risultati molto marcata. 

Sulla viabilità l’amministrazione può continuare a scrivere tutti i comunicati stampa che vuole, tanto non verrà giudicata per quelli, quanto per i fatti. E per vedere questi basta osservare lo stato in cui versano le principali arterie infrastrutturali di Montefiascone: un colabrodo. Via Capobianco e Via Commenda sono chiari esempi di mala gestione, come la mancanza di segnaletica verticale per i nuovi sensi unici o le plance elettorali ancora attaccate, delle quali l’assessore sembra vergognarsi a rispondere.

Ora basta parole, i cittadini si spettano fatti concreti”.

       

Articolo precedenteCorchiano, interruzione del flusso idrico per intervento su condotta principale
Articolo successivoScuola, ambiente e cucina, il tris è servito