MONTEFIASCONE – La Lista Civica nella quale è stata eletta, oltre un anno fa, l’attuale Amministrazione del comune di Montefiascone, sembra sia finita nel nulla; il forte caldo politico, al pari di quello metereologico di questi giorni, sembra la stia liquefacendo come cera al sole. I nuovi gruppi, di stampo prettamente politico, che sono sorti in questi giorni nella cittadina vulsinea, come affermano esperti anziani politici della medesima e che conoscono molto bene gli avvicendamenti ed eventi di strategia politica nella città di Montefiascone, fanno pensare a questo, anche se, nella gestione del comune, forse, una certa unità potrebbe rimanere ma sarà, sempre e comunque, labile ed appesa ad un filo.

Dalle macerie della Lista Civica, sono infatti nati tre gruppi certi ed un quarto, sembra, sia ancora in fase di costituzione ed è proprio questo gruppo che fa nascere tanti sospetti e potrebbe essere la Canossa del sindaco Paolini.

Un gruppo fa riferimento a Fratelli d’Italia, un gruppo fa riferimento a Forza Italia, un’altro fa riferimento al PD, mentre, per il quarto, ancora non se ne conosce bene ne la linea politica ne la sua collocazione nello scacchiere politico generale, anche se, stando a quanto gli esperti politici affermano, dovrebbe rimanere nella sua originalità di essere gruppo locale, Lista Civica per la politica locale, senza entrare in alcun partito politico, guardando al solo interesse dello sviluppo socio-economico della città e del miglioramento del tenore di vita dei suoi cittadini.

I nomi degli appartenenti ai singoli gruppi, sembra ancora non siano ben definiti, anche se si possono ipotizzare con una buona dose di certezza. Nei prossimi giorni, stando sempre alle valutazioni e considerazioni degli esperti anziani politici montefiasconesi, salteranno fuori nomi costituenti il singolo gruppo dipanando ogni dubbio.

Per ora sono certi soltanto i capi fondatori dei singoli gruppi: M. Ceccarelli per Fratelli d’Italia, S. Leonardi per Forza Italia, il sindaco M. Paolini per il PD, A. Merlo per il quarto gruppo, nella speranza che riuscirà nell’impresa.

Qualcuno si domanda: come mai in così pochi giorni tanta rivoluzione? Sembra, tenendo sempre conto dei pareri dei veterani politici locali, che tale rivoluzione sia nata dal fatto che si stanno avvicinando le elezioni per il consiglio provinciale e, sembra, che all’interno di esso, gli amministratori di Montefiascone intendano contare qualcosa. Nei prossimi giorni, speriamo di avere l’ardua sentenza.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email