Parla chiaro il documento emesso dal presidente Roberto Viola a nome dell’intero direttivo del neonato movimento “Montefiascone Rinasce”.

Viola ribadisce la necessità di rivalutare il Civico Ospedale, rifacendosi anche alle mutate e nuove strategie del Governo Centrale, perchè non è così “Lo dovrebbero spiegare agli abitanti della città, la Commissaria prefettizia dott.ssa Anna De Luna nominata ed insediata dal 12/10/2020, ma soprattutto il Direttore Generale della ASL della provincia di Viterbo, Dott.ssa Daniela Donetti”, esordisce Viola nel suo documento.

In un successivo passaggio il Viola focalizza certe peculiarità della città di Montefiascone sotto l’aspetto sanitario affermando:

“Il Comitato Civico Montefiascone Rinasce, a questo proposito, mette in evidenza che il nostro comune è capofila per il servizio sanitario di 19 comuni del comprensorio provinciale……. e che esiste ancora l’OPSPEDALE da prendere in seria considerazione per essere utilizzato”.

In un ulteriore passaggio Viola, si fa ancora più pressante nel passaggio in cui afferma:

“Alla luce di quanto esposto, chiediamo quindi agli organi amministrativi e sanitari, sia locali sia provinciali, quali siano state le motivazioni che hanno escluso la città di Montefiascone dall’essere destinata a presidio funzionale alla vaccinazione anti-Covid-19”.

Nella chiusura del documento, che assume il valore di ufficiale richiesta, si legge:

“I cittadini di Montefiascone rivolgono pertanto una richiesta al Direttore  Generale della ASL dott.ssa Daniela Donetti, come suggeriscono le ultime direttive del Governo nazionale affinché predisponga quanto necessario per l’apertura di un presidio vaccinazioni nel più breve tempo possibile anche al fine di evitare disagi e spostamenti in questa nuova fase di contagi in continuo aumento”.

 Pietro Brigliozzi