«Il valore dello sport dovrebbe essere tra i motori principali dell’attività amministrativa, in un’ottica di crescita improntata a sani valori. Un principio da sempre sconosciuto a Civita Castellana. Era il 25 ottobre 2015 – osservano Giulio Nardi e Francesco Soldateschi,…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteCisl: La sicurezza, la città e il nostro senso civico
Articolo successivoAlla scoperta di Civita di Bagnoregio, visite guidate e attività didattiche accessibili per adulti e bambini sordi