NEPI – Talete si apre al confronto. Ieri pomeriggio il presidente della società che gestisce il servizio idrico nella Tuscia ha partecipato al consiglio comunale aperto di Nepi. Tema della seduta: il servizio idrico integrato nel comune di Nepi.

 

“Quella di ieri – ha affermato il presidente Stefano Bonori – è stata una giornata positiva. Abbiamo dimostrato che non ci tiriamo indietro di fronte alle domande e ai problemi, ma che siamo una società che vuole trasparenza nei rapporti. Durante il consiglio – ha continuato – ho anche illustrato le soluzioni prospettate nel Parca per il risanamento aziendale, senza nascondere i problemi finanziari di Talete”.

 

Al consiglio hanno partecipato molti cittadini di Nepi, associazioni del territorio, il Forum per l’acqua pubblica, il comitato per l’acqua pubblica e il Movimento in difesa dei cittadini. “Quello di ieri è stato il primo consiglio comunale aperto dopo dieci anni – ha detto il sindaco Pietro Soldatelli -. E averlo fatto su un tema così sentito e non semplice da trattare è stato davvero importante. Devo ringraziare il presidente Bonori che non si è tirato indietro, la sua presenza non era affatto scontata, visto che ultimamente va di moda fare il tiro al bersaglio su Talete. Inoltre – ha detto ancora – grazie alla disponibilità del presidente abbiamo avviato una collaborare per trovare insieme soluzioni alternative agli impianti di potabilizzazione che, purtroppo, ancora oggi non riescono a garantire potabilità”.

 

Il consiglio comunale è durato più di tre ore, lasciando spazio alle domande dei cittadini e delle associazioni. “Con la presenza alla seduta di ieri a Nepi – ha detto infine il presidente Bonori – abbiamo dimostrato che non ci vogliamo tirare indietro di fronte ai problemi, ma che al contrario ci siamo e stiamo lavorando per migliorare Talete”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email