“Dopo la SURREALE delibera con la quale l’assessore Sciuga (figlia) ha deliberato la “pesatura” (valutazione) del dirigente Sciuga (padre), abbiamo preso atto – comunicano i consiglieri di opposizione Danti Andrea, Celeste Orietta, Ranaldi Maria Cristina, Ceccarelli Massimo e Manzi Paolo Domenico, – di una nuova PERLA dell’Amministrazione PD di Montefiascone.

Questa volta il protagonista principale – ma non unico – è l’assessore Merlo che ha deliberato addirittura a favore di sé stesso.

Ci riferiamo alla Deliberazione della Giunta Comunale numero 48 del 28.02.22, con la quale la maggioranza di sinistra di Montefiascone ha ammesso all’Albo delle Associazioni del Comune di Montefiascone anche la Associazione SEI3SEI.

Si legge, nel testo della delibera, che “ogni associazione deve far pervenire entro il 31 dicembre di ogni anno successivo a quello di iscrizione, una dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante nel quale si attesta che l’Atto costitutivo e lo statuto sono rimasti invariati ovvero eventuali modifiche indicando quali e allegando la necessaria documentazione attestante quanto dichiarato”.

Ebbene, tra le domande presentate, vi era anche quella dell’Associazione SEI3SEI (Prot. N. 27324 del 10.11.2021), il cui Presidente pro-tempore è proprio l’assessore Angelo Merlo.

Sin qui nulla di strano.

Tranne il fatto che alla Deliberazione di Giunta ha partecipato e votato anche l’Assessore Merlo!

Si avete capito bene!

Non è né un refuso di computer, né uno scherzo!

Angelo Merlo ha presentato una domanda in qualità di Presidente di una Associazione e poi, questa volta in qualità di Assessore, ne ha deliberato la iscrizione nell’Albo delle Associazioni del Comune di Montefiascone!

Sicuramente l’Assessore Merlo non avrà avuto nulla da eccepire sulla domanda presentata dal Presidente Merlo!

Ma a ben pensarci neanche questa delibera ci sorprende più di tanto.

La vicenda è il naturale sviluppo, come purtroppo abbiamo già avuto modo di sottolineare, della presunzione e della spregiudicatezza a cui ci ha abituato, sin dal giorno dell’insediamento, il Sindaco e l’Amministrazione PD che amministra la nostra cittadina, che hanno deciso di abolire, “pro domo propria”, l’istituto “del conflitto di interessi”. 

Alla luce di questa nuova CHICCA non abbiamo più dubbi: a Montefiascone è ormai ufficiale che le regole che per “gli altri” si applicano, per il PD si interpretano.

Vi terremo informati sulla prossima puntata”.

Articolo precedente2030 Vetralla: “Il Consiglio comunale vota per privatizzare Talete, ignorati i vetrallesi”
Articolo successivoSequestrare 10.000 mq. di discariche abusive, rinvenute diverse tonnellate di rifiuti