Pietro Brigliozzi

 

Dopo la sfuriata della minoranza sulla chiusura del civico ospedale, il primo cittadino, L. Cimarello (foto), risponde alle opposizioni cercando di smantellare quanto da esse snocciolato sul tavolo. Dalla diatriba, più che un confronto, emerge, comunque, una realtà precisa: da una parte l’opposizione diffidente sul comportamento del commissario, Macchitella, dall’altra il sindaco che lo difende con decisione. Postulati nei quali l’opposizione addebitava tutte le sciagurate vicende che hanno portato al fine del nosocomio alla poca efficienza del sindaco e della sua giunta accondiscendendo ai voleri del commissario.

 

In un primo momento era il presidente del consiglio M. Trapè ha rispondere prendendo le difese del sindaco e dell’attuale giunta rimproverando al Paolini che, a suo tempo, allorché era assessore anziché pensare ai lavori pubblici sarebbe stato meglio se si fosse interessato dell’ospedale con tutto l’ardore come sta facendo ora. E’ poi intervenuto personalmente il sindaco che si è dichiarato soddisfatto di trattare questo argomento di fronte ai circa ottanta cittadini che presenziavano allo svolgimento del consiglio in attesa ed attratti maggiormente della discussione del secondo punto all’ordine del giorno: Il senso unico in via D. Alighieri del quale parleremo più avanti.

 

Il primo cittadino ha esordito dicendo che il reparto di ematologia verrà presto portato a Montefiascone in quanto l’ultima carenza, la mancanza della cappa è stata realizzata con un preciso investimento da parte del commissario. E’ un dato di fatto aver raggiunto la meta e questo dimostra che sia il Sindaco che l’intera amministrazione, oltre che ad essere sensibile, è fortemente impegnata sulla riqualifica dell’ospedale e del suo potenziamento così i contributi dei cittadini sono andati a buon fine. Cimarello ha poi aggiunto, a proposito dell’impegno del commissario, quasi volendo smentire l’articolo coinvolgente l’ospedale di Orvieto, mostrato dalla minoranza, che Egli è molto attento al nostro territorio e qui c’è stata un’ulteriore reazione della minoranza già descritta nel precedente articolo. Il primo cittadino ha poi commentato che questo è un segnale di cambiamento, di tendenza; vale a dire riportare ematologia a Montefiascone significa anche potenziare le strutture ad esso connesse come il laboratorio analisi; riqualificazione del pronto soccorso con 5 posti ed un equipe medica che dialogherà con il reparto offrendo un valido servizio in h24.

 

Infine per quanto riguarda radiologia ha affermato che non vi è necessità di un primario, contrariamente a quanto sostiene il Paolini, in quanto gli esami saranno visibili e la diagnostica potrà essere fatta telematicamente. Anche qui grande reazione della minoranza e Paolini ha sottolineato che tale processo non è previsto per legge, anzi è bloccato dalla medesima per una questione di privacy. Per quanto riguarda l’uso delle sale operatorie il primo cittadino ha affermato che vi sarà un incremento degli interventi per cui si avrà una rivalorizzazione della chirurgia come pure verranno aumentate le prestazioni del reparto di riabilitazione. L’importante è che si diano risposte valide e concrete ai cittadini. Per quanto riguarda una sua assenza ad una riunione dei sindaci, rimproveratagli dalla minoranza, Cimarello ha risposto che lui, già prima della pubblicazione, conosceva il Piano Aziendale discusso in quella riunione in quanto i suoi rapporti strettissimi di massima collaborazione con il commissario Macchitella gli avevano permesso di conoscere e discutere il Piano Aziendale prima che fosse stato reso pubblico in quella riunione, quindi, l’essere stato assente, non ha voluto dir niente. Su questo l’opposizione come altra gente presente ha solo che riso.

 

E’ quindi intervenuto di nuovo M. Trapé, tra una forte contestazione del pubblico, in questo consiglio il Trapè è stato beccato più volte dal numeroso pubblico presente, ricordando che quando vi era la destra alla Regione, per l’ospedale non era stato fatto nulla. Qui si è ben capito che la questione ospedale è diventato motivo di aperto scontro politico tra maggioranza ed opposizione in prospettiva delle elezioni comunali che si terranno nella primavera del prossimo anno.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email