TARQUINIA – “E’ inaccettabile la modalità con cui Macchitella, Commissario della Asl di Viterbo, sta gestendo la chiusura del reparto di Ostetricia e Ginecologia di Tarquinia. Dopo una serie di atti contradditori in cui il reparto veniva chiuso e sospesa la chiusura il giorno dopo, ora, finalmente, Macchitella prende atto della definitiva chiusura del reparto di Tarquinia prevista per il 1 agosto secondo quanto riportato nella DCA del 6 luglio 2015.

 

Ricordiamo che tale modalità è stata ampiamente condivisa col sindaco Mazzola che ha agito solo per guadagnare punti agli occhi della collettività ma senza alcun riscontro pratico visto che, se avesse voluto realmente sospendere la chiusura del reparto, poteva benissimo appellarsi al TAR Lazio. “Rispetto a questa modalità di gestione” – dichiara la consigliera regionale Silvia Blasi – “sono preoccupata soprattutto per le assistite per le quali non mi risulta esista un adeguato sistema di informazione. Tanto più che ci sono parti programmati nella struttura ben oltre la data del 1 agosto. Per questi pseudo amministratori che si prendano gioco dei cittadini, ricordo che è loro responsabilità la salute delle pazienti in momento così delicato della loro vita. Quando finirà questo teatrino iniziato con l’improbabile casa del parto e continuato con questa ridicola messa in scena della chiusura/apertura del reparto?”

 

Siamo sicuramente di fronte ad un caso eclatante di mala politica e cattiva amministrazione del bene pubblico più importante: la salute dei nostri figli, il futuro del paese”.

 

Gruppo M5S Tarquinia

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email