REGIONE – “Il presidente Zingaretti questa mattina ha firmato un decreto di portata davvero eccezionale, grazie al quale la Regione Lazio dopo 10 anni torna ad assumere a tempo indeterminato nella sanità. Circa 1.200 tra medici, infermieri e tecnici, infatti, entreranno in servizio nei prossimi tre anni e metà del nuovo personale sarà composto da precari.

 

Già lo scorso luglio, come si ricorderà, gli ospedali erano stati autorizzati, in deroga al blocco del turn over, all’assunzione di alcune decine unità di personale – che nel Viterbese avevano riguardato anche l’ospedale di Belcolle e quello di Tarquinia – ma oggi siamo di fronte a tutt’altri numeri. Il decreto di oggi dimostra in buona sostanza che i conti sono davvero in ordine, come certificato dal Tavolo interministeriale che ogni tre mesi monitora la nostra spesa sanitaria.

 

A partire dal 2016, quindi, saranno stabilizzati 425 precari che potranno aumentare dopo che saranno approvate tutte le piante organiche: si tratta nello specifico di operatori in servizio da più di tre anni. Lo sblocco del turn-over consentirà poi assunzioni in deroga del 30% e la percentuale salirà del 40% nel 2017 e del 50% del 2018. Non è la fine del turn over, c’è ancora tanto da fare e siamo all’inizio di un percorso, ma la strada è segnata in maniera irreversibile. Tutto ciò permetterà di superare un paradosso: il Lazio forma medici e infermieri di prim’ordine i quali, visto che non trovano un contratto a tempo indeterminato, sono costretti ad emigrare, con il duplice effetto di impoverire di competenze la nostra sanità e arricchire quella di altre regioni. Questa situazione è destinata a finire. Da sottolineare, infine, che il decreto è frutto di un accordo con i sindacati, firmato lo scorso luglio, oltre che ovviamente di una seria programmazione sanitaria. Voglio ringraziare il presidente e commissario ad acta Nicola Zingaretti e tutta la cabina di regia per questo risultato molto importante. Lo dichiara Enrico Panunzi (foto), consigliere regionale Pd e Presidente Sesta Commissione

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email