«Il portavoce di Fratelli d’Italia di Civita Castellana, Gianluca Gasperini, replica alle nostre critiche con lo stesso “stile” a cui ci hanno abituati gli esponenti del suo partito dell’Amministrazione Giampieri in questi mesi. Cioè, quando sono in difficoltà, attaccano a testa bassa, scaricano le responsabilità su altri e condiscono il tutto con un po’ di insulti ed una retorica roboante che non ha alcuna attinenza con la realtà.

Per cui noi, nel fare i nostri rilievi, avremmo compiuto “un vile e bieco atto di sciacallaggio politico” perché avremmo osato “addossare alla attuale amministrazione le responsabilità di un bando le cui proposte dovevano essere trasmesse entro il termine perentorio del 15 settembre 2020, ovvero una settimana prima della tornata elettorale locale”.

Si tratta con tutta evidenza di considerazioni risibili per la semplice ragione che il centrodestra governa il comune di Civita Castellana dalla primavera 2019 e, quindi, prima del 15 settembre 2020 c’erano sempre loro e la continuità tra le due amministrazioni è lampante.

Ma il punto vero è un altro: i progetti presentati non avevano le caratteristiche per essere immediatamente finanziati, dato che il bando nella lettera “A” attribuiva priorità assoluta ai progetti contro il dissesto idrogeologico.

I progetti a cui Gasperini fa riferimento non sono relativi al dissesto idrogeologico ma sono di diversa natura, relativi alle lettere “B” e “C”, quindi non prioritarie e pertanto ammesse in graduatoria ma non finanziate.

Per questo motivo, mentre i 25 comuni della provincia di Viterbo si sono attenuti all’oggetto prioritario del bando e hanno immediatamente ottenuto 19 milioni di € di finanziamento, il nostro Comune non potrà essere finanziato.

Infatti, come è noto, essere ritenuti ammissibili al finanziamento non significa essere finanziati, come dimostrano casi del tutto analoghi relativi a precedenti bandi ministeriali.

Quindi sorge spontaneo chiedere all’Amministrazione:
-perché non ci siamo attenuti all’oggetto del bando, nonostante negli ultimi bandi venissero finanziati soltanto progetti prioritari in lettera “A”?
– perché non è stato presentato un progetto specifico per il Belvedere Falerii Veteres, nonostante fosse previsto nel piano triennale dei lavori pubblici e quindi immediatamente cantierabile?
– Perché si è preferito rinunciare a importanti risorse statali a fondo perduto ma accendere un mutuo di 700000 a carico della collettività?

Se c’è qualcuno che si è dimostrato profondamente incompetente, caro Consigliere Gasperini, è chi non presentando progetti aderenti all’oggetto del bando ha fatto perdere alla città una grande opportunità. Ma questo Lei lo sa benissimo, così come il resto della coalizione che su questo argomento ha preferito essere più prudente, non proferendo parola.

Quanto al bando della Regione Lazio, si tratta di una scelta dell’amministrazione Giampieri quella di non partecipare. Il tempo dirà se è stata una scelta giusta. Ma motivare questa decisione sostenendo che il problema del bando fosse quello che prevedeva una compartecipazione economica da parte del Comune non è un grande argomento. E’ stata una vostra scelta, e l’unica cosa che potete fare è assumervene la responsabilità, senza accusare nessuno».

Così replicano a Fratelli d’Italia il Commissario PD Alessandro Mazzoli e il Gruppo consiliare PD: Simone Brunelli, Nicoletta Tomei, Domenico Cancilla.

 

Fratelli d’Italia Civita Castellana: Il PD non riesce a leggere e comprendere bandi regionali e decreti ministeriali