“Cara sindaca, i cambiamenti sono indispensabili per tenere viva una comunità e soprattutto per rilanciare una Città come Viterbo da troppi anni chiusa e involuta su sé stessa.
Ma – osserva in una nota il Circolo Unico PD Viterbo – i cambiamenti si fanno insieme a chi vive la Città, si concertano con tutti gli attori protagonisti.
Non si impongono!
Un Sindaco cerca di appianare le divisioni, di trovare soluzioni non sbandiera ogni giorno le sue posizioni sui giornali.
Ogni riferimento alle ultime questioni riguardanti il mercatino di Natale è voluto.
Secondo lei un ambulante che rinuncia ad uno degli appuntamenti commerciali più importanti dell’anno lo fa a cuor leggero?
Non vogliamo entrare nel merito della questione, è il metodo che continua ad essere sbagliato. Questo ‘decisionismo’ arrogante e fra l’altro spesse volte privo di contenuti fa male a Viterbo, agli operatori economici e soprattutto fa male a chi ama questa città e vorrebbe contribuire a cambiarla sul serio.
La Città si cambia con l’ascolto e con la forza dei contenuti. La Città si cambia trovando una sintesi fra posizioni diverse, non imponendo sempre la propria.
Cara Sindaca, la campagna elettorale è finita da un pezzo la invitiamo a lasciare una volta per tutte gli slogan e le bandierine fuori dal Comune.
Noi continueremo a fare, come abbiamo sempre fatto, un’opposizione seria e responsabile. Continueremo a farlo anche quando ci penalizza elettoralmente.
Lo continueremo a fare perché questa è la Politica che serve ai cittadini”.

Articolo precedenteSilvia D’Oro (Consigliera di Parità della Provincia di Viterbo): “Solidarietà a tutte le donne vittime di violenza”
Articolo successivoOpen Days 2002 ai Centri di Formazione Professionale: quattro giorni dedicati all’orientamento scolastico degli studenti